Come visitare l'Appia Antica

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

L'Appia Antica è uno dei luoghi più romantici e suggestivi di Roma e per tali caratteristiche rappresenta ancora oggi una meta molto gettonata per il turismo. Il suo nome deriva dal censore Appio Claudio che ne iniziò la costruzione nel 312 a. C. E ne tracciò il percorso fino a Capua. Solo successivamente, la strada venne continuata e oggi raggiunge Taranto, completata con l'ultimo tratto che raggiunge Brindisi. Ancora ai nostri giorni, questa strada viene sfruttata per delle suggestive passeggiate romane. Se avete intenzione di visitare questo luogo per trascorrere una giornata indimenticabile, in questa breve guida troverete degli utili consigli su come visitare l'Appia Antica percorrendo le parti più significative e interessanti del luogo.

25

Il primo consiglio è quello di visitare le famose catacombe. Tra le più importanti ed imponenti ricordiamo quelle di San Callisto, di Santa Domitilla e di San Sebastiano. Le prime sono situate nei pressi della Chiesa di "Quo Vadis?". Qui si trovano sepolti 16 pontefici, alcuni martiri e molti cristiani. Quelle di Santa Domitilla sono le più grandi di Roma infatti sono composte da 17 chilometri di gallerie con un numero esagerato di tombe. Infine, le Catacombe di San Sabastiano risalgono al I secolo d. C. E sono aperte tutti i giorni tranne la domenica.

35

Se per fare questa piccola escursione, siete munti di automobile, potete trovare parcheggio in qualsiasi piazzale di terra battuta in modo totalmente gratuito. Ricordate che la domenica l'area è chiusa al traffico. Durante i giorni feriali, la via è percorribile fino al Mausoleo di Cecilia Metella, poi bisogna proseguire a piedi. In alternativa, per i spostamenti potrete utilizzare l'archeobus che è unzionante tutti i giorni feriali e festivi, con una frequenza di 30 minuti dalle 8:30 alle 16:30 dal capolinea in Piazza dei Cinquecento. In fine potete optare per scelta di affittare una bicicletta in via Appia Antica dov'è sono disponibili ogni giorno.

Continua la lettura
45

Continuando la nostra visita, all'inizio della strada, circa 700 metri dopo essere usciti da Porta San Sebastiano, trovate la chiesetta detta "Quo Vadis?" che vale la pena visitare per le sue ricchezze culturali ed architettoniche. Essa è situata nel punto in cui San Pietro, in procinto di fuggire da Roma dove erano in corso le persecuzioni, avrebbe incontrato Gesù. L'Appia antica è un luogo molto bello da visitare ed il consiglio è quello di percorrerlo interamente a piedi in modo da assaporare e riuscire a vedere parti che in maniera diversa rimarrebbero inesplorate.

55

Se siete intenzionati a fare questo viaggio, potete affidarvi ad una agenzia di viaggi che vi consigliera' al meglio l'itinerario da seguire, inoltre sono numerose le gite organizzate con dei pullman che vi porteranno direttamente nel luogo da visitare con delle guide che vi spiegheranno anche la storia di ogni parte da visitare!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come visitare Roma

Viaggiare, è sicuramente uno dei modi migliori di utilizzare il nostro denaro, poiché solo visitando posti sempre nuovi e differenti dai nostri, possiamo imparare moltissime cose come ad esempio un'altra cultura, stupendi monumenti che ci raccontano...
Consigli di Viaggio

Come visitare Città del Messico in tre giorni

Sede del museo di Frida Khalo, immensa area metropolitana con più di 20 milioni di persone, ricca di quartieri culturali ed artistici, intrisa di fascino e storia antica, Città del Messico in tre giorni non solo si può visitare ma anche ammirare completamente....
Consigli di Viaggio

Come visitare i monumenti di Firenze in pochi giorni

Firenze è un comune italiano, capoluogo della regione Toscana. Una città tutta da scoprire, antica, cuore dell'età rinascimentale, ricca di monumenti storici. Visitare tutta Firenze in pochi giorni è praticamente impossibile, perché sono numerosissime...
Consigli di Viaggio

Come visitare la provincia di Caltanissetta

L'Italia mostra in ogni angolo luoghi interessanti che riescono a suscitare ammirazione e meraviglia. La Sicilia, a tal proposito, è una terra ricca di storia, cultura, paesaggi unici e un mare indimenticabile. Girando per l'isola si possono ammirare...
Consigli di Viaggio

5 luoghi da visitare in Myanmar

Il Myanmar, noto anche come Birmania, è una nazione del Sud-est asiatico. Se programmerete una vacanza in tale parte del globo, non ve ne pentirete. Infatti, potrete ammirare luoghi spettacolari, antichi templi, distese di spiagge di sabbia bianca e...
Consigli di Viaggio

Porto: cosa visitare e cosa comperare

Ecco per voi una guida dedicata alla cittadina di Porto, (Oporto in portoghese), se siete indecisi su cosa visitare e cosa comperare! Porto è la seconda città più importante del Portogallo dal punto di vista culturale. È famosa grazie al suo vino...
Consigli di Viaggio

Basilicata: i 5 borghi più belli

La Basilicata è una splendida regione della nostra penisola. Ricca di cultura, di borghi storici e di paesaggi mozzafiato. Ciononostante non è conosciuta come le regioni vicine. Per questo motivo non è ancora piena di turisti ed è molto piacevole...
Consigli di Viaggio

Come visitare Bologna: tour classico

Bologna detta anche la Dotta per via della sua antica e prestigiosa Università e la Grassa invece per via della sua cucina ricca e gustosa. Ma Bologna è anche una città carica d'arte e di storia, dove è possibile ammirare monumenti, chiese e palazzi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.