Come visitare le miniere di Montevecchio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Definite dai più grandi esperti come uno dei patrimoni di archeologia industriale più affascinanti al mondo, grazie anche alla straordinaria natura paesaggistica che le circonda, le Miniere di Montevecchio rappresentano uno dei luoghi più visitati della provincia sarda di Medio Campidano. Chiuse definitivamente nel 1991, l’origine di quella che fu una delle miniere più produttive d’Europa si deve addirittura all’epoca dei Romani che iniziarono a costruirne non solo l’area industriale ma anche lo straordinario borgo che sorge attorno. Un’esperienza assolutamente da vivere, quella di visitare le Miniere di Montevecchio, che certamente sarà fonte di grandi emozioni. Ma come fare a scoprire tutte le meraviglie nascoste negli numerosi siti che fanno parte del Parco Geominerario della Sardegna? Semplice, scegliendo tra uno o più dei 4 Percorsi disponibili all’interno del Parco, per ammirare la storia e l’incantevole natura che caratterizza queste splendide miniere centenarie.

25

Partiamo con il Percorso Direzione, che prende il nome dall’omonimo Palazzo oggetto della visita. In circa 1 ora di tempo sarà possibile visitare le stanze che un tempo ospitavano gli uffici direzionali della società mineraria. Ma c’è di più: dopo un profondo lavoro di ricostruzione degli ambienti originari, ora è possibile ammirare anche i locali riprodotti in stile ottocentesco, per un tuffo mozzafiato nel passato. Da non perdere la visita alla Sala Blu, la stanza più affascinante di tutto l’edificio, che prende il nome dalle colorazioni delle pareti e della volta, rese uniche da preziose decorazioni dorate.

35

Avete ancora voglia di scoprire la bellezza delle Miniere di Montevecchio? Allora non potete dire di no al Percorso Sant’Antonio. Come il precedente, anche questo tour si può completare in circa 1 ora dopo aver visitato le aree di superficie e la torre merlata del pozzo di estrazione. Durante il percorso sarà possibile ammirare anche gli alloggi in cui un tempo abitavano gli operai. Inoltre, prima della conclusione, si farà visita all’ex deposito minerali che ancora oggi ospita alcuni dei più preziosi metalli grezzi che venivano lavorati all’epoca.

Continua la lettura
45

Ed eccoci nel cuore delle miniere con il Percorso Officine, durante il quale potete ammirare tutte strutture che supportavano le attività estrattive. Dalle fonderie, alla sala modelli, passando per le stanze di forgiatura, qui avrete l’opportunità di conoscere nel dettaglio le diverse fasi della catena produttiva della Miniera. E se al termine della visita non siete ancora sazi, c’è ancora l’opportunità di lasciarsi coccolare dal Percorso Piccalinna che prevede un breve tour di circa 45 minuti nell’area circostante il pozzo San Giovanni. Qui è ancora presente, come unico esempio al mondo di archeologia mineraria, la macchina di estrazione che, attraverso i 120 cavalli vapore di cui è dotata, poteva estrarre fino a 20 metri cubi di materiale in un’ora.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se avete tempo a disposizione per la visita, approfittate per godervi tutti e 4 i percorsi a disposizione all'interno del sito archeologico

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Come visitare il Parco Nazionale della Sila

Il mondo è ricco di luoghi meravigliosi e paesaggi mozzafiato che vale la pena di visitare almeno una volta nella propria vita. Tra le tantissime cose che è possibile vedere, un ruolo di primo piano è riservato senza dubbio al Parco Nazionale della...
Italia

10 posti da visitare in Lombardia

Viaggiare è il modo migliore per scoprire, per conoscere, per vedere quello che si trova al di fuori delle mure domestiche. Poter apprendere direttamente dall'esperienza personale è un ottimo modo per imparare, quindi potrebbe essere opportuno scoprire...
Italia

Cosa visitare in Calabria

In questo articolo troverete cosa si potrà visitare, ed anche quali sono le zone più belle in Calabria. La Calabria forma la punta d'Italia, una stupenda regione sicuramente da visitare. Questa piccola splendida penisola nella grande penisola italiana...
Italia

I più bei borghi medievali da visitare in Veneto

Il Veneto è una regione ricca di cultura e di storia, tant'è che risulta una delle regioni più visitate d'Italia. Il paesaggio offerti dal luogo in questione è molto vario, e spazia dal mare alla pianura arrivando persino alla montagna. Sparsi lungo...
Italia

Come visitare il castello di Rocca Calascio

In questo articolo vorrei spiegarvi come visitare il castello di Rocca Calascio. Il castello di Rocca Calascio è un castello italiano molto apprezzato dai turisti. Questo castello si trova in Abruzzo, nella provincia di L'Aquila. Questo castello prende...
Italia

Come visitare l'Italia in moto

Non tutti sanno che, turismo e moto, sono perfettamente compatibili tra loro. Infatti, sempre più turisti, ogni anno, decidono di organizzare un giro d'Italia tutto in moto, al fine di visitare le bellezze ed il fascino del nostro paese, che con altri...
Italia

Cosa visitare a Roma in poche ore

Per chi ama viaggiare e vivere a contatto con il mondo, abbiamo pensato di proporre questa guida, veramente molto utile ed anche del tutto interessante!Vogliamo aiutare tutti costoro a capire come e cosa poter visitare a Roma, la città eterna, in poche...
Italia

Come visitare i dintorni di Torino

I viaggi culturali o di piacere vertono sulle grandi città ed i capoluoghi di provincia. Questi luighi offrono straodinarie testimonianze storiche, scientifiche come anche naturali. Ai più giovani, garantiscono divertimento e vita notturna intensa....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.