Come visitare le spiagge di Capo Testa in Sardegna

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Capo Testa è un promontorio della Sardegna settentrionale, a pochi passi da Santa Teresa in Gallura. Si affaccia sulle Bocche di San Bonifacio, è collegato alla terra ferma da un istmo e si caratterizza per le sue spiagge e la natura incontaminata che lo circonda. Un piccolo angolo di paradiso in cui trascorrere rilassanti vacanze. Se avete deciso di visitare Capo Testa, ecco una piccola guida per sapere come arrivare e cosa visitare.

26

Rena di Levante, è una distesa di sabbia bianca, acque trasparenti, circondata da rocce che il mare ha levigato donandogli una particolare forma di colonna romana. Inoltre è circondata da pinete, con vegetazione tipica della macchia mediterranea, in cui è possibile passeggiare e ripararsi dal sole. Perfetta ed attrezzata per le escursioni subacquee. La zona è servita da bar ed alberghi.

36

Rena di Ponente sul lato sinistro dell'istmo dei Due Mari, si affaccia sulla suggestiva baia di Santa Reparata e si presenta con una distesa arenile di color bianco ed un mare turchese, che vi lascerà senza parole. Naturalmente tanti i sevizi per rendere le giornate meravigliose. Tra le varie cose da vedere i resti del porticciolo romano e degli insediamenti di Tibula.

Continua la lettura
46

Cala Spinosa nota anche come la Spiaggia dei Graniti, a cui si accede dal parcheggio alla fine della strada per Capo Testa, è una piccola oasi, che vi stupirà con i colori surreali del mare sempre calmo e la sabbia color oro, raggiungibile attraverso un sentiero a strapiombo sul mare, è ideale per gli amanti del trekking e sopratutto delle immersioni e dello snorkeling.

56

Infine nota anche con il nome di " Taltana" si contraddistingue per l’acqua limpida e cristallina e per l'arenile formato da sabbia bianca sottilissima. Le spiagge principali sono Riva di Ponente e Riva di Levante (descritte precedentemente) e per raggiungerle si passa attraverso un paesaggio tipico della macchia mediterranea. Una volta arrivati a Santa in Gallura, Capo Testa si trova a circa tre chilometri. Il promontorio fu abitato in epoca romana dalla colonia di Tibula, dalle sue coste partivano per la capitale nave cariche di granito, i resti di questo traffico si trovano ancore sulle lunghe distese rocciose, che caratterizzano le rive di Capo Testa. Queste ultime si presentano con particolari sfumature di colori e levigate dal mare ed allora interno si trovano varie calette, con bassi fondali marini ideali per famiglie con bambini, a cui si arriva grazie ad sentieri tracciati dagli antichi romani, lungo i quali si possono notare vecchie torrette e ruderi militari restaurati.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Le 5 spiagge più belle della Sardegna

Una terra dipinta nel mediterraneo che il pittore divino decise di lasciarci in regalo. Perché la Sardegna è un sogno, dalle sue insenature passando per acque cristalline arriviamo a calette mozzafiato. Le spiagge più belle della Sardegna sono tra...
Italia

10 spiagge da vedere in Sardegna

La Sardegna è una delle mete italiane più ambite, soprattutto d'estate. Un'isola magica e pittoresca con alcune delle spiagge più belle non solo a livello nazionale ma anche europeo. Se state valutando una vacanza in questa magnifica terra, vi suggeriamo...
Italia

Itinerari ed escursioni in Sardegna

Seconda isola per estensione nel mar Mediterraneo, la Sardegna offre numerosi spunti per i turisti. Grazie ai suoi paesaggi mozzafiato, al mare e al clima mite, l'isola attira ogni anno un gran numero di visitatori. Oltre all'aspetto puramente paesaggistico...
Europa

Come visitare le spiagge di Capo Ferrato in Sardegna

Lungo la costa orientale della Sardegna, tra Villaputzu e Castiadas in provincia di Cagliari, la costa è inframmezzata da promontori ed arenili meravigliosi. Ecco qualche indicazione su come visitare le spiagge di capo Ferrato in Sardegna, usando le...
Europa

Come visitare le spiagge di Trinità D'Agultu in Sardegna

Trinità d'Agultu e Vignola (La Trinitai e Vignola in gallurese) è un piccolo comune in provincia di Sassari, in Sardegna, di grande interesse turistico. Questo territorio è caratterizzato da una fascia costiera di grande bellezza e vasti litorali di...
Europa

Come visitare le spiagge di Muravera in Sardegna

Come è noto, le spiagge della Sardegna costituiscono, per il turista il sogno di una meta raggiungibile da dover visitare almeno una volta nella vita. Una tra le spiagge più suggestive è quella di Muravera, nel cui comune è possibile ammirare la...
Europa

Come visitare la Sardegna a piedi

La Sardegna, vanta un paesaggio variegato e ricco di storia. È una meta turistica di straordinaria bellezza culturale come architettonica. Ricca di sentieri immersi nel verde, si presta a magnifiche camminate. Ci sono centinaia di luoghi da visitare,...
Europa

Come visitare la Sardegna: dintorni di Olbia e Golfo Aranci

L'Italia è un paese ricco di storia e tradizioni, dove diverse culture si sono scontrate o hanno trovato riparo, creando nel tempo bellissimi posti sopravvissuti fino a noi e che rievocano ancora oggi il profumo di tempi passati ma ancora vividi. Tra...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.