Come visitare l'oracolo di Dodona

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Nell'Epiro nord occidentale presente sulla strada che porta a Ioannina, e con lo sfondo della catena montuosa del Pindo, si trova una dei siti archeologici più antichi di tutta quanta la Grecia. Oggi sono ancora visibili le rovine dell'anfiteatro, le quali sono molto ben conservate. Inoltre, proprio in cima alla collinetta che lo sormonta, era presente la grande quercia nella quale venivano chiesti i responsi alle divinità antiche. Se siete pronti per fare un lungo viaggio all'insegna della storia e della cultura, è il momento di allacciare le cinture di sicurezza muniti di qualche consiglio su come visitare l'Oracolo di Dodona. Possiamo entrare, pertanto, nel vivo di questa semplice ma esauriente guida sull'antica Grecia.

25

L'Epiro rappresenta, sicuramente, una "nuova" meta della Grecia. Si tratta di un territorio ricco di fascino e di storia. Le sue spiagge e calette offrono un mare davvero suggestivo, che merita di essere ammirato nel modo più assoluto. Tuttavia possiamo anche affermare che l'interno è altrettanto bello ed incantevole. A circa 50 chilometri ad est della località di Igoumenitsa, lungo la strada che porta a Ioannina, capoluogo dell'Epiro, si trova il piccolo villaggio di Dodona (Dodoni in greco moderno). Qui si trova il più antico oracolo presente nell'intera Grecia.

35

Nella città di Dodona aveva sede un oracolo intitolato a due divinità abbastanza rinomate. Stiamo parlando di Zeus, ossia il Re dell’Olimpo nonché il Dio del fulmine, e di Dione, ovvero la Dea Madre. Da quanto ci ha riportato lo storico Erodoto, Dodona è stato il più antico oracolo della Grecia. Con sapienza, i sacerdoti e le sacerdotesse effettuavano le loro celebrazioni dei riti, interpretando il semplice frusciare del fogliame di quercia. Da qui nascevano delle predizioni per il futuro, e veniva riscattata una sorta di benevola protezione degli Dei. Inoltre, agli abitanti di Dodona erano stati investiti della missione di custodi dell’oracolo.

Continua la lettura
45

A Dodona, infatti, veniva richiesto il vaticinio prima di Gaia e successivamente di Zeus. Gaia era un'antica divinità preclassica che veniva identificata con la Dea Madre. Lo stesso Omero, già nell'800 a. C., ne parlava nell'Iliade e successivamente è stato nominato sia da Euripide che da Apollonio Rodio (nelle Argonautiche). Originariamente i sacerdoti e le sacerdotesse dormivano all'aperto, e nel sito non erano presenti alcuni edifici e monumenti. In definitiva, ascoltando il frusciare delle foglie di quercia davano i responsi a tutti coloro i quali ne avanzavano richiesta.

55

Nel corso dei secoli e sopratutto con l'avvento al potere di Pirro (Re epirota), il sito è stato arricchito con diversi templi, ex voto, monumenti e l'anfiteatro. Quest'ultimo è rimasto quasi completamente integro. Degli altri edifici, tra i quali annoveriamo il tempio di Afrodite, quello di Themi ed il maestoso tempio di Zeus (fatto costruire da Pirro), rimangono prevalentemente le fondamenta ed alcune colonne. In cima alla collina che sovrasta l'anfiteatro sono ancora presenti delle querce "discendenti" delle prime sacre a Zeus e Gaia. Tutto attorno è presente il panorama, a dir poco mozzafiato, dei monti del Pindo. Questo consente di far respirare tutta la sacralità della natura. Quindi, natura ed arte sono degli ottimi motivi per poter visitare queste terre che, ancora oggi, mantengono un fascino enorme.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Ioannina

A soltanto circa "50 km" dalle spettacolari spiagge dell'Epiro, tra le più meravigliose di tutta la Grecia, sorge il Capoluogo dell'omonima piccola Regione che si chiama Ioannina. Si tratta di una perla che si trova lungo le rive del lago Pamvotis, costellata...
Europa

Come visitare Leeds Castle

Se soggiornerete in Inghilterra, potreste visitare Leeds Castle. Nel 1254, il re Edoardo I sposò Eleonora di Castiglia. L'amore immenso per la moglie lo indusse a costruire per lei una residenza da fiaba. Nacque così, Leeds Castle. È il castello più...
Europa

Come visitare Tallin

La città di Tallinn, capitale dell'Estonia, è stata anche Capitale della Cultura per l'anno 2011. Il suo centro cittadino è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità nel 1997. Tallin ha molti siti d'interesse da visitare e, partendo dall'Italia è...
Europa

Cosa visitare in Lussemburgo

Il mondo è caratterizzato da un'infinità di luoghi e paesaggi mozzafiato che vale la pena visitare almeno una volta nella propria vita. Molti di questi luoghi sono sconosciuti alla maggior parte delle persone mentre altri sono più conosciuti. Una delle...
Europa

Come visitare Lisbona

Con il periodo estivo che è alle porte le capitali europee sono ormai le mete più ambite da chi ha voglia di fare un viaggio. Una delle mete più belle che ci sono da visitare è proprio Lisbona, cioè la capitale portoghese. Lisbona è una città dalle...
Europa

Come visitare La Città Di Goslar

Se avete intenzione di fare una vacanza sulle colline del massiccio dell'Harz, avrete la possibilità di visitare la città di Goslar. Si tratta di una località posta sull'estremità settentrionale del massiccio, dove attira numerosi turisti ogni anno....
Europa

Come visitare Madrid in 3 giorni

Se si decide di visitare una capitale europea in un weekend lungo, cioè di tre giorni, ci affanniamo a vedere tutto quello che il limitato tempo disponibile ci concede. Madrid è certamente una delle mete più ambite dai turisti di tutto il mondo, sia...
Europa

5 cose da visitare a Casablanca

Casablanca, con i suoi 3 milioni di abitanti, è la più grande città del Marocco e la più moderna. Verrete infatti affascinati dalle architetture moderne che più di ogni altra cosa la caratterizzano. Seguite questa guida prima di visitare Casablanca...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.