Come visitare Peschici In Puglia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Peschici è un piccolo comune pugliese in provincia di Foggia. La città domina da un promontorio alto novanta metri la costa nord del Gargano. Ad est invece sono collocate le rocce calcaree, che si gettano nell'Adriatico a formare cale e baie, di straordinaria bellezza. Ogni anno, tra giugno e settembre, diventa meta turistica per migliaia di visitatori, attratti dai caratteristici paesaggi e dal mare cristallino, molto spesso insignito della preziosa Bandierina Blu. Peschici, è facilmente raggiungibile dall'Adriatica A 14, o in alternativa, da San Severo proseguendo per la SS 693, uscendo a Rodi Garganico. In questa guida vi saranno forniti alcuni utili informazioni su come visitare Peschici, in Puglia, i suoi monumenti, le attrattive e le chiese. Vediamo come fare.

26

Occorrente

  • Macchina fotografica
  • Auto propria
36

Il centro storico di Peschici è parzialmente circondato dalle vecchie mura. Proprio qui è possibile ammirare pittoreschi panorami, in un labirinto di strade piccole e strette e un groviglio di case bianchissime, sormontate da cupole di chiara influenza orientale. Camminando lungo i vialetti, è possibile apprezzare i negozietti che popolano il cuore della città e che offrono una varietà di prodotti tipici pugliesi e di artigianato.

46

Tra i luoghi da visitare, da annoverare è sicuramente l'Abbazia di Santa Maria Calena, una delle più antiche d'Italia. Eretta nel nono secolo, durante il medioevo era una delle più ricche e fiorenti del meridione. Presenta elementi architettonici pugliesi, europei ed extraeuropei. Secondo una vecchia leggenda, all'interno dell'Abbazia è nascosto un vero e proprio tesoro, seppellito però insieme al corpo di una figlia di Barbarossa.

Continua la lettura
56

Nel cuore della piccola città di Peschici, sorge il castello Medievale, che separa la parte vecchia da quella nuova. Costruito nel 970 dai bizantini, fu raso al suolo dalle truppe veneziane del papa Gregorio IX. Ricostruito nel diciassettesimo secolo, s'innalza sulla punta del promontorio. Molto belle e sicuramente da visitare sono anche le spiagge, le grotte naturali della costa e la torre Saracena di Monte Pucci, costruita come difesa dalle invasioni turche. Da non perdere è la chiesa dedicata a S. Elia. La popolazione di Peschici è molto devota al loro santo. Si narra infatti che per sua intercessione, i campi coltivati furono liberati dalla piaga delle cavallette. Per i turisti più coraggiosi, Peschici offre la Baia Zaiana, ottimo trampolino naturale per spettacolari tuffi. Buon viaggio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per i turisti più coraggiosi, Peschici offre la Baia Zaiana, ottimo trampolino naturale per spettacolari tuffi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come e perchè visitare i luoghi del Parco nazionale del Gargano

Il Parco Nazionale del Gargano vanta la presenza di numerosi e favolosi centri abitati che hanno mantenuto le caratteristiche architettoniche tipiche. Per lo più si tratta di centri dalle tipiche casette bianche addossate le une alle altre, a formare...
Europa

Come visitare Patù

Per gli appassionati dei viaggi nel sud Italia, una meta preferita in assoluto dai turisti è sicuramente la Puglia. La Puglia viene visitata e apprezzata per la sua natura, per il suo mare, per la sua campagna, per la sua cucina, per la sua arte e per...
Europa

Come visitare Bovino in un giorno

Per chi non lo conoscesse Bovino è un grazioso comune in provincia di Foggia. Trattasi di un particolare paesino che conta circa 4000 abitanti, situato sopra una altura a 620 mt.; sopratutto famosissimo per la sua devozione a Nostra Signora di Valleverde....
Europa

Come visitare Andria

Andria si trova in Puglia, e precisamente vicino al capoluogo di regione Bari. La città conta circa centomila abitanti ed è molto conosciuta per i tre campanili ed è anche per il Castel del Monte, ovvero una struttura davvero molto bella, costruita...
Europa

Come visitare Il Subappennino Dauno

Il Subappennino Dauno, famoso anche come Monti Dauni, si estende lungo il confine fra la Campania e la Provincia di Foggia. Si tratta di un itinerario seducente che si articola tra paesaggi meravigliosi e incontaminati di luoghi poco conosciuti al grande...
Europa

Come visitare Carovigno

All'interno di questa guida, andremo a occuparci di turismo. Nello specifico, come avrete già compreso attraverso la lettura del titolo stesso della nostra guida, ora andremo a spiegarvi Come visitare Carovigno.La città di Carovigno e situata in Puglia...
Europa

Come e cosa visitare a Corato

La nostra bella Italia possiede tanti magnifici borghi; carichi di storia, arte, cultura e tradizioni. Per poterne visitare qualcuno c'è solo l'imbarazzo della scelta. Ma oggi decideremo di spostarci verso il sud della nostra penisola e precisamente...
Europa

Come visitare Conversano

Per una gita fuori porta, non esiste cosa migliore di un viaggio alla scoperta degli angoli più meravigliosi della Penisola italiana. Questo è anche il caso di Conversano, una spettacolare cittadina barese dove è possibile trascorrere qualche giorno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.