Come visitare Pizzo Calabro

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Come si può facilmente intuire dal nome stesso della cittadina, Pizzo Calabro (nel dialetto calabrese pizzu) sorge su una scoscesa rupe di tufo a strapiombo sul mar tirreno. Nonostante le numerose mode legate alle mete turistiche in voga ogni anno, Pizzo mantenendo sempre un caratteristico aspetto da borgo marinaro con molteplici viuzze che si estendono in ampi cortili, vicoli con gradinate che affacciano sulla marina, balconate che affacciano sullo splendido mare, spiagge ed infinite scogliere; resta sempre una perla assolutamente da visitare. È qui di seguito che vi illustreremo come farlo.

25

Occorrente

  • scarpe comode
  • macchina fotografica
35

Famosa per la produzione di tartufo e per la sua innata qualità gelatiera Pizzo è un borgo erto sulla costa nord est immerso nella pineta mediterranea presenta infinite bellezze naturali e storiche. Oltre le numerose calette ricche di scogli naturali e affascinanti grotte (tra cui la Grotta Azzurra) giunti in questa cittadina saremo spinti e invogliati ad ammirare le bellezze antiche ancora splendidamente conservate. Sarà verso la piazza principale che sarete indirizzati, piazza della repubblica, dalla quale facilmente raggiungere infinite bellezze di Pizzo. La prima tappa fondamentale è sicuramente la tardocinquecentesca chiesa di San Giorgio che presenta l'immensa facciata barocca dal portale di marmo bianco che racchiude al suo interno infinite statue di marmo provenienti da monasteri e conventi distrutti dal terremoto del 1783, gelosamente custoditi. La chicca legata a questa chiesa è da attribuire al Bernini, la statua di san Giovanni Battista.

45

Un altro elemento da non tralasciare in quanto degno di nota è di certo la cappella di Sant Anna che conserva il crocefisso quattrocentesco in legno, detto Padre della Rocca perché proveniente dalla scomparsa città-fortezza di Rocca Angitola, nonchè il basso rilievo di marmo dei carrarini Bartolomeo e Antonio Berrettaro. Indispensabile non lo è una guida per visitare la chiesa ma di certo una locale potrebbe descriverla nei particolari e togliervi mille curiosità.

Continua la lettura
55

Ultimo ma non ultimo in merito alla sua importanza è il castello di Pizzo Calabro, monumento innalzato nella seconda metà del XV secolo per volontà di Federico I di Aragona intervenendo su un fortilizio d'epoca angioina sorge piu in basso. Noto per la tragica fine di Gioacchino Murat qui imprigionato e condannato a morte fucilato per aver cercato di sollevare la popolazione contro i Borboni; di sicuro è da non perdere tra le mille bellezze di questa cittadina. Dopo aver ricevuto tutte le preziose informazioni su questa ridente località non vi resta altro da fare, che recarvi e ammirare passo dopo passo tutto ciò che questa guida vi ha minuziosamente descritto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come e cosa visitare a Corigliano Calabro

L'Italia è sicuramente un paese capace di offrire una moltitudine di luoghi suggestivi, luoghi antichi e moderni che riescono sempre a suscitare un grande fascino nei visitatori. Nel pochi passi di questa guida in particolare, vedremo dettagli sul posto...
Europa

Come e cosa vedere a Morano Calabro

Definito, a ragion veduta, come uno dei più bei borghi della nostra penisola, Morano è un piccolo comune della Calabria, abitato da poco meno di diecimila persone: l'origine del nome è da attribuirsi, verosimilmente, ai gelsi mori che, proprio in questa...
Europa

Come visitare i luoghi delle Serre in Calabria

Se la vostra prossima meta vacanziera è la Calabria, allora potreste visitare i luoghi delle Serre. L'itinerario che vi propongo di organizzare vi farà scoprire il territorio delle Serre Calabresi. Si tratta di una zona caratterizzata dall'alternarsi...
Europa

Come visitare Paola

Paola è una cittadina in provincia di Cosenza visitata tutto l'anno da migliaia e più di turisti che vanno in visita soprattutto al Santuario di S. Francesco di Paola. La cittadina, distesa su una terrazza naturale alle pendici della catena costiera,...
Europa

Come visitare Mormanno e il Pollino

L'itinerario che qui proponiamo si dirige verso il Parco Nazionale del Pollino. Partendo da Mormanno, si raggiunge facilmente il centro del Pollino, ricco di una natura incontaminata e selvaggia. Tra foreste di faggi e lecci, il territorio offre al visitatore...
Europa

Come visitare Lecce

Lecce è una splendida città della penisola salentina, in Puglia. Vicina a molte delle più belle spiagge del Salento, Lecce è famosa per le architetture in stile Barocco, la cartapesta, la pietra leccese, la buona cucina e le splendide chiese. Per...
Europa

Come visitare Lecco

Questa è una breve guida di come visitare Lecco.Lecco è un comune italiano di 48.131 abitanti, sorge su un deposito alluvionale, in una conca delimitata dalle Prealpi e dal lago Lario, nel punto in cui il Lario finisce e l'Adda riprende il suo corso....
Europa

Come visitare Cantù

Il comune di Cantù si trova in provincia di Como, ad un'altitudine di 370 m sul livello del mare, nel centro della Brianza. La cittadina conta circa 37.430 abitanti e si espande per 23,2 Km quadrati. Il comune è molto conosciuto per la produzione di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.