Come visitare San Sebastian in Spagna

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

San Sebastian in Spagna è una delle città più importanti e si trova nella regione dei Paesi Baschi. San Sebastian si trova sul mare, nel mar Cantabrico e più precisamente si trova non lontano dal confine con la Francia, ma la città mantiene un carattere spagnolo e soprattutto basco. San Sebastian ha una popolazione di circa 185.000 abitanti ed è il capoluogo della provincia di Guipuzcoa, che fa parte della regione autonoma dei Paesi Baschi. Le attrattive, oltre al mare, della città di San Sebastian sono tantissime: chiese e cattedrali, monumenti e ville, piazze di importanza storica e culturale e molto altro. La città porta con sé anche il nome basco di Donostia ed è così conosciuta proprio nei Paesi Baschi. Ecco come visitare San Sebastian.

27

Occorrente

  • Guida turistica
  • Mappa della città
37

Per visitare San Sebastian iniziamo dalla visita dei monumenti civici: la Plaza de Gipuzkoa, una delle più importanti della città, il Palacio de la Deputacion ed è una piazza molto romantica perché possiede un giardino con in stile romantico con anche un tempietto annesso ed è circondata da uno stagno e da un ponte. Poi c'è Plaza de la Constitucion, la principale piazza della città di San Sebastian, una piazza con molte balconate e portici perché era la piazza dove si svolgevano grandi manifestazioni, come ad esempio corride e spettacoli di vario tipo. Il centro storico è molto interessante, con molte piazzette, caffè storici e vicoli che la rendono unica da visitare.

47

Per quanto riguarda la cultura, il Museo Municipal de San Telmo è il più importante della città ed è allestito in un antico convento domenicano. Lo stile del convento è tipicamente italiano: questo museo conserva opere di famosi pittori italiani e spagnoli ed altre sculture ed oggetti di grande valore. Si può anche percorrere l'Avenida de Espana che percorre tutta la città in lungo ed in largo partendo dalla piazza principale e terminando con il ponte monumentale di Santa Catalina: nelle vicinanze del ponte sorgono il teatro Victoria ed il Monumento all'ammiraglio Oquendo, due opere da visitare per la loro bellezza.

Continua la lettura
57

Le chiese e le cattedrali della città di San Sebastian sono moltissime: c'è la Catedral del buon Pastor, chiesa ultimata nel 1897, dello stesso anno la Iglesia de san Ignacio, più antiche sono la Iglesia de San Vicente del sedicesimo secolo e la iglesia de San Sebastian el antiquo, costruita nel diciannovesimo secolo. Da non dimenticare di intraprendere una visita al Castillo de la Mota, che si trova sul monte Urgull: sono i resti di un castello che era originario circa dell'anno Mille e che è stato modificato nel corso dei secoli, per poi andare in rovina.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Visitate San Sebastian in più giorni: è una città che merita molto da vedere

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come visitare San Gregorio Armeno

Per chi non la conoscesse, San Gregorio Armeno è una famosissima strada del centro storico della città di Napoli. Questa via chiamata in gergo locale: "O' vico de' pasture" cioè il vico dei pastori, è famosa in tutto i mondo perché vi si trovano...
Consigli di Viaggio

Come visitare Bologna: Santuario Beata Vergine di San Luca

La visita nella straordinaria Bologna potrebbe essere terminata con un mini-tour che, dal centro della città, conduce ad ispezionare uno dei famosi colli accerchianti il territorio bolognese, ovvero il Colle della Guardia. Precisamente, si tratta di...
Consigli di Viaggio

Come e perchè visitare la Certosa di San Martino a Napoli

La Certosa di San Martino si innalza sopra la collina del Vomero. Essa probabilmente è da considerarsi uno dei simboli maggiormente famosi della città di Napoli ed anche di una corrente artistica che in tale città ha vissuto, più precisamente tra...
Consigli di Viaggio

Come visitare San Miguel de Allende in Messico

Situata nel Messico centrale, nello stato di Guanajuato all'interno della regione Bajío, San Miguel de Allende è una città di circa 150.000 abitanti. Dista quasi trecento chilometri da Città del Messico ed è, tra le altre cose, rinomata per essere...
Consigli di Viaggio

Come visitare il Santuario di San Gerardo Maiella a Materdomini

Gerardo Maiella, uno dei più grandi Santi nella storia della Chiesa, fu un religioso Italiano appartenente Congregazione del Santissimo Redentore la cui canonizzazione fu eseguita da papa PIO X nel 1904, circa 150 anni dopo la sua prematura morte (avvenuta...
Consigli di Viaggio

Come fare un InterRail in Spagna

Da sempre la passione della maggior parte della gente è quella di viaggiare. Ci sono diversi metodi per viaggiare, da quello in automobile, in aereo, in nave, fino ad arrivare al treno. Da non pochi anni ormai c'è la possibilità di effettuare un viaggio...
Consigli di Viaggio

Spagna: i 5 parchi naturali da non perdere

La Spagna è uno dei paesi europei che può vantare un paesaggio naturale incontaminato molto vasto e zone selvagge dove vivono in libertà orsi bruni e lupi. Oltre 200 riserve naturali e ben 13 parchi nazionali sono destinati a proteggere questo amplissimo...
Consigli di Viaggio

Spagna: i percorsi migliori per il trekking

Trekking in inglese, escursionismo in italiano, è un'attività motoria basata sul camminare nel territorio a scopo di studio e di svago, lungo percorsi poco agevoli che tipicamente non accolgono auto o mezzi convenzionali. Importante è la compagnia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.