Come visitare Sant'Agata dei Goti in un giorno

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il territorio italiano è punteggiato da borghi antichi di rara bellezza. Sorgono nei punti più impensati come ad esempio su di uno sperone di tufo, e all'interno delle loro mura mantengono intatto lo splendore di un tempo ormai lontano. La scelta è davvero ampia, ma se ci troviamo in vacanza in Campagna e decidiamo di dedicare un giorno alla visita di un borgo molto speciale e dalla bellezza unica, non possiamo non recarci presso Sant'Agata dei Goti. Vediamo allora alcuni consigli su come visitare questo antico borgo medievale.

25

Occorrente

  • Un giorno di vacanza
  • Voglia di fare un vero e proprio tuffo nel passato
35

Ai piedi del Monte Taburno sorge Sant'agata dei Goti, catalogato come uno dei più bei borghi d'Italia. Arrivarci è molto semplice, basta imboccare l'autostrada A1, uscire a Caserta Sud, a questo punto proseguiamo in direzione Appia fino allo svincolo per Maddaloni. Continuiamo il viaggio sulla statale 265 fino all'arrivo al borgo. Una volta arrivati a destinazione, iniziamo immediatamente il nostro giro turistico proprio dal centro storico, dove ci attende Largo Annunziata. Sulla destra della via, possiamo visitare la Chiesa dell'Annunziata, sulla cui facciata possiamo ammirare il portale in pietra dalle linee classiche. Sopra il portale trova posto il bassorilievo dedicato appunto all'Annuncio dell'Angelo a Maria. Lasciamo il luogo di culto per recarci a visitare le varie piazze disseminate nel paese.

45

Continuiamo quindi la nostra passeggiata e ci dirigiamo verso Piazza Trieste, che proprio grazie alla sua particolare forma, da a sua volta vita ad altre piazze attigue. Nel centro della Piazza possiamo ammirare il monumento eretto in onore dei Caduti, le antiche vestigia di un castello medievale i cui lavori di recupero stanno riportando la costruzione alla sua antica bellezza. Proseguendo sulla via, e più precisamente in fondo alla Piazza, troviamo una costruzione molto particolare a forma di cilindro, si tratta di un antico torrione risalente alla dominazione Normanna. Sulla sua sinistra invece, sorge la Chiesa di S. Menna interamente dedicata al Santo da cui prende il nome. La nostra gita continua e questa volta andiamo ad attraversare un antichissimo ponte in pietra, il quale funge da collegamento fra le due sponde del torrente Martorano.

Continua la lettura
55

Da questo punto molto particolare, possiamo ammirare l'interno centro storico e le colline che sullo sfondo sembrano essere state appositamente li sistemate a protezione del Borgo. Torniamo quindi sui nostri passi, passando ancora una volta per Piazza Trieste per recarci poi su quella che può essere considerata la via principale del Borgo, ovvero Via Roma. Disseminate lungo questa strada possiamo ammirare chiese di particolare interesse storico come ad esempio la Chiesa dedicata a Sant'Angelo de Munculanis e la Chiesa dedicata a Santa Maria di Costantinopoli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Plaça del Rei a Barcellona

La Plaça del Rei (la Piazza del Re) è sita nel centro della zona di Barrio Gótico, a Barcellona. Più precisamente, sorge alle spalle della Cattedrale gotica ed è a poca distanza dalla Plaça de Sant Jaume. Ottimamente conservata, rappresenta un angolo...
Europa

Come visitare il borgo di Viarigi

Come visitare Viarigi: è un borgo della regione del Piemonte, precisamente si tratta di un comune di meno di 1000 abitanti della provincia di Asti. Il paese sorge nel cuore delle colline di Monferrato, tant'è che le sue strade e le sue costruzioni si...
Europa

Come visitare Adrano

L'Italia è un paese ricco di luoghi stupendi da visitare, posti unici, carichi di storia, cultura, tradizioni. Visitarla tutta sarebbe impossibile, ma perlomeno i luoghi più belli ed interessanti bisogna visitarli almeno una volta nella propria vita.Da...
Consigli di Viaggio

Puglia: 10 destinazioni per i turisti

La Puglia è una delle regioni d’Italia ricca di storia, cultura e di paesaggi mozzafiato, che offre la possibilità di trascorrere delle vacanze indimenticabili. Il tacco d’Italia che vanta una posizione strategica in quanto bagnato da due mari...
Italia

I più bei posti del Salento

Spiagge selvagge, cibo saporito e vini di eccellente qualità, prezzi accessibili e luoghi mai sovraffollati. Tutto questo è il Salento, un magico paradiso collocato nel sud della Puglia, in prossimità del tacco dello Stivale, perennemente baciato dal...
Italia

Le sagre da non perdere nel Salento

Da quando il Salento è diventato meta ambita per i turisti di tutto il mondo, i paesi che compongono questa meravigliosa parte d'Italia hanno pensato di dare vita ad una serie ben nutrita di Fiere e Sagre, un modo alternativo per far apprezzare il proprio...
Europa

Come visitare Giarre

In questa guida vedremo come visitare e trovare notizie utili su Giarre, tipico paese ai piedi dell'Etna in provincia di Catania. Se vuoi puoi anche trascorrere qualche giorno in questo paese che sembra una piccola città, infatti puoi facilmente raggiungere...
Europa

Come visitare Ragusa Ibla

La Sicilia è una regione ricca di storia, tradizione, cultura. Ha visto in passato svariate dominazioni che ne hanno modellato la cultura sin dai tempi delle antiche colonie greche. Una delle città più interessanti sotto il profilo storico è Ragusa....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.