Come visitare Trieste in 2 giorni

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Trieste è il capoluogo del Friuli Venezia Giulia, la regione dell'Italia che confina con la Slovenia e l'Austria. Da sempre è una città cardine per il commercio e la storia della nostra nazione, porta sull'est e sui paesi slavi, ed importante scalo nautico. Sede di grossi cantieri navali, Trieste è una città che merita almeno 2 giorni per essere visitata approfonditamente in tutte le sue bellezze. Vediamo quindi come fare.

25

Primo gIorno

Ci sono moltissime cose da vedere il primo giorno a Trieste. Il Castello di Miramare nell'omonima frazione della città non deve mancare assolutamente fra le cose da visitare. Fu voluto da Massimiliano d’Asburgo-Lorena, arciduca d'Austria e imperatore del Messico, per viverci con la moglie Carlotta del Belgio. Canal Grande è una seconda menta ideale, situato nel centro del Borgo Teresiano è stato il principale mezzo per lo spostamento delle merci nella Trieste del diciottesimo secolo. Attualmente si interrompe per lasciare spazio a Piazza Sant'Antonio. Terza cosa da vedere assolutamente il primo giorno è la Cattedrale di San Giusto, che è il centro spirituale della citrtà dal 1337.

35

Sera

Trieste è famosa per la sua vita notturna, anche per via della vicinanza col confine sloveno e quello croato che dopo il crollo della Yugoslavia hanno reso la città meta ambita per le serate. Si può scegliere di cenare in un ristorante tipico friulano e poi andare a teatro, oppure a ballare in una delle discoteche in città, frequentate dagli studenti dell'università, oppure a vedere un concerto in uno dei numerosi locali che propongono musica dal vivo per tutti i gusti. L'importante è non fare troppo tardi per avere il tempo il giorno dopo di visitare anche il resto della città.

Continua la lettura
45

Secondo giorno

La visita di Trieste prosegue quindi con al Chiesa di Sant'Antonio Taumaturgo, sita in centro città e costruita nel primo quarto del diciannovesimo secolo sulle rovine di una cappella privata intitolata all’Annunciazione. Per proseguire si può visitare il Museo Ebraico Carlo e Vera Wagner dove si trovano documenti sulla comunità ebraica della zona dispersa durante la seconda guerra mondiale. La visita prosegue con Tempio serbo-ortodosso della Santissima Trinità e di San Spiridione della comunità serbo ortodossa della zona, eretto nel 1869. Proseguendo si visita il Politeama Rossetti, che è uno fra i teatri più importanti e conosciuti in Italia. Infine merita una visita anche il Museo Postale e Telegrafico della Mitteleuropa sito nel Palazzo delle Poste e che rappresenta una testimonianza delle antiche comunicazioni prima della prima guerra mondiale.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Come visitare Firenze in 3 giorni

La città storica di Firenze si distende lungo le rive dell'Arno. Ex capitale d'Italia, nonché centro di propulsione delle letteratura, cultura e anche dell'arte medievale e rinascimentale italiana, per visitarla interamente non basterebbero intere settimane....
Italia

Sorrento: cosa visitare in 3 giorni

Sorrento è considerata una delle mete turistiche d'eccellenza italiane. Il fascino e l'eleganza di Sorrento si mescolano alla tradizione partenopea, in modo da creare una terra unica. Migliaia di turisti da tutto il mondo, ogni anno, si recano a Sorrento...
Italia

Come visitare Napoli in 5 giorni

Napoli è una città straordinaria dai mille colori. Musa ispiratrice di tanti poeti, rapisce il visitatore attraverso le sue strade strette e colorate che si aprono su panorami mozzafiato. Nelle strade di Napoli si respira aria di festa e la cordialità...
Italia

Come visitare la Sardegna in tre giorni

Tra le varie isole d'Italia da poter visitare in poco tempo, non può mancare sicuramente la splendida Sardegna. Si tratta di un'isola molto grande, caratterizzata da spiagge meravigliose, degne di essere visitate da tutti i turisti. Molti sono i luoghi...
Italia

Napoli: cosa visitare in pochi giorni

Napoli è una bellissima città ricca di folclore. Se avete deciso di organizzare una gita od un viaggio a napoli-weekend-lungo-itinerario-completo-visita-2-3-giorni_4051">Napoli cercate di non perdervi le mete più significative della città campana....
Italia

Isola d'Elba: cosa visitare in 3 giorni

Se siamo in cerca di una vacanza low cost ma di grande effetto, possiamo contare sulle tante meraviglie che il nostro Bel Paese è in grado di offrirci. Una delle mete più famose e più visitate che possiamo visitare è proprio Isola d'Elba. Qui possiamo...
Italia

Come visitare il Salento in 10 giorni

Il Salento si trova nella parte sud della Puglia, tra i due splendidi mari Adriatico e Ionio; esso rappresenta quello che viene definito come "tacco d'Italia". I centri abitati non sono numerosi, ma il paesaggio è molto caratteristico: i paesi hanno...
Italia

Come visitare Pisa in 3 giorni

LA città di Pisa, è un comune toscano che si inserisce in un territorio densamente popolato ed urbanizzato denominato "area pisana". È una città molto bella e rappresentativa dal punto di vista sia culturale che monumentale grazie all'ampia e varia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.