Come visitare Vico Del Gargano

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

L'Italia, da sempre, è una terra di grande cultura e, soprattutto, ricca di incredibili e sontuose bellezze paesaggistiche: una di queste è, senza dubbio, il Comune di Vico del Gargano situato in Provincia di Foggia nella Regione Puglia. Sono i paesi come Vico le vere bellezze dell'Italia, spesso dimenticate dal grande mercato del turismo che preferisce mete più remunerative. Visitare questo piccolo paese di appena ottomila abitanti significa, dunque, non solo immergersi in un'atmosfera unica, fra tradizioni, relax e buona cucina, ma anche vivere intensi momenti di arte, natura e spiritualità. Situato tra mare e montagna, Vico del Gargano fa parte del Parco Nazionale del Gargano ed è inserito fra i "Borghi più belli d'Italia"; non a caso è soprannominato "il paese dell'amore", per via del suo patrono San Valentino che, inoltre, è anche il santo protettore degli agrumi, di cui il territorio vichese è molto abbondante. Se dovete passare dalle parti di Vico non potete, senz'altro, non visitarlo! Ancora meglio ve la consiglio come mete per le prossime vostre vacanze! Adesso è il momento di vedere assieme, grazie a questa guida, come visitare al meglio Vico del Gargano e cosa poter ammirare di questa fantastica perla della nostra penisola.

25

Vico del Gargano è un piccolo paese di 7766 abitanti. Nonostante sia distante 110 km da Foggia e 240 km da Bari è, comunque, ben servito di ottimi collegamenti Treno e Bus da entrambe le città. Inoltre, per raggiungere il paese, ci sono vari modi: in auto, in treno, fino alle stazioni di San Severo o Foggia, dove poi basta prendere il treno delle Ferrovie del Gargano in direzione Peschici/Calenella e scendere alla stazione di Ischitella o San Menaio, dove linee di autobus locali ti porteranno a Vico del Gargano in meno di dieci minuti. Il tutto non richiede moltissimo tempo dato che il treno solitamente è un mezzo di trasporto molto veloce per muoversi. Per quanto concerne la tradizione storiografica sono molte le cose da dire; innanzitutto il centro abitato prese inizio in prossimità di una necropoli dell'età del ferro posta su un'altura chiamata Tabor. Quando gli slavi, nel 970 d. C, arrivarono dalle coste orientali adriatiche come conquistatori, si creò una vera e propria fusione con i residenti che vivevano nell'unico centro fortificato, che venne chiamato Vico. Ma, secondo i primi documenti ufficiali ritrovati nell'Archivio di Stato di Napoli, la nascita del "Castrum Vici" sarebbe avvenuta solo nel 1113, quando i Normanni conquistarono il Gargano costruendo nel paese la loro prima fortezza, un castello che, successivamente, sarà ampliato dall'imperatore Federico II di Svevia nel 1240.
Il XVII secolo, invece, fu caratterizzato da un notevole risveglio culturale. Ciò portò alla fondazione, nel 1759, di un cenacolo di intellettuali che venne chiamato "Accademia degli Eccitati viciensi"; il loro scopo era quello di incoraggiare la gioventù allo studio e all'amore della letteratura e della scienza, aiutandoli a proseguire gli studi. Il verbo "eccitare", non a caso, significa risvegliare, stimolare, sollecitare l'anima e la mente ad uscire dal letargo del dogmatismo.
Nel frattempo, l'economia vichese stava conoscendo, grazie alla coltivazione dei suoi agrumi, un importante sviluppo economico.
Nel 1792, successivamente, viene costruito il Cimitero Monumentale di S. Pietro sul Monte Tabor, il terzo in Italia fuori le mura cittadine, anticipatore dell'editto napoleonico di Saint Cloud del 1806.
Ad oggi la cittadina si propone come centro di cultura e di turismo, potendo contare su di una posizione baricentrica nel Parco Nazionale del Gargano.

35

I luoghi e le chiese da visitare sono moltissime a Vico, ve ne elencherò alcune tra le più importanti: Il Castello Normanno-Svevo, il Palazzo Della Bella, la Chiesa Matrice (XVI-XVII sec., con reliquie di San Valentino), la Chiesa di San Marco (XIII sec.), la Chiesa di Santa Maria Pura (XVII sec.), la Chiesa di Santa Maria degli Angeli (Convento dei Frati Cappuccini, XVI sec.), la Chiesa di San Pietro (XVIII sec.), la Cinta Muraria (XI-XII sec.), Vicolo del Bacio e il Museo Trappeto Maratea.
La sua frazione marittima, San Menaio, invece, conta numerosi e attrezzati lidi con annessi servizi che la rendono, nonostante l'estensione, ben attrezzata a soddisfare le più svariate esigenze ed esperienze. La spiaggia confina a Nord con il territorio di Rodi Garganico e, su tutta la riviera, giunge la fragranza degli aranceti che la circondano in tutta la loro freschezza e bontà. Inoltre Vico fu resa nota dal famoso fumettista Andrea Pazienza che, durante i suoi soggiorni, ne ammirò ed esalto le bellezze. Ma non credere che Vico sia solo un paese di cultura e relax! Sono molte le feste dove potrete unire il divertimento alla magnifica tradizione del Gargano; gli eventi più importanti, a cui non puoi mancare, sono: la festa di San Valentino (14 febbraio), i riti della Settimana Santa (settimana di Pasqua), la festa della Madonna del Carmine (metà luglio) e la festa di San Rocco (metà agosto).

Continua la lettura
45

A Vico del Gargano, inoltre, potrai degustare varie pietanze tipiche come la "paposcia", pizza lunga da farcire a piacimento, un vero piatto davvero squisito e prelibato (la classica è quella con olio e formaggio grattugiato che puoi gustare presso qualsiasi pizzeria del paese). Ricordati che i piatti e i vini tipici della tradizione garganica sono tra i migliori d'Italia! Quindi fidati, qualsiasi cosa sceglierai, non puoi sbagliare!

55

Infine, vi consiglio vivamente la visita di tutte le chiese storiche, davvero splendide e di un' importanza storica e culturale non indifferente. Infine che dire delle spiagge.. Sono di una magnificenza e di un incanto incredibili, sia per la loro calma che per la bellezza estetica del paesaggio che le circonda. Le spiagge di San Menaio e Calenella, soprattutto, sono considerate tra le più belle della Puglia e sono, perciò, una perla per i turisti che vogliono rilassarsi e godersi un mare cristallino e una spiaggia incontaminata. Consiglio pienamente la visita a Vico del Gargano, un posto davvero delizioso in cui senz'altro non vi annoierete e da cui non rimarrete affatto delusi. Buon relax e buona visita!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come e perchè visitare i luoghi del Parco nazionale del Gargano

Il Parco Nazionale del Gargano vanta la presenza di numerosi e favolosi centri abitati che hanno mantenuto le caratteristiche architettoniche tipiche. Per lo più si tratta di centri dalle tipiche casette bianche addossate le une alle altre, a formare...
Europa

Come organizzare un fine settimana sul Gargano

Il Gargano, promontorio montuoso che si si insinua nel mar Adriatico, si trova in provincia di Foggia e offre un paesaggio quanto mai affascinante, caratterizzato da un limpido mare e da una natura incontaminata, fatta di foreste millenarie e suggestivi...
Europa

Come visitare Ronciglione

Ronciglione è una splendida cittadina situata a metà strada tra Roma e Viterbo. Sulle sponde del lago di Vico, sorge questo piccolo ma animato borgo, di origine etrusca. Il nome Ronciglione deriva dalla rupe a forma di roncola su cui sorge la parte...
Europa

Come visitare Peschici In Puglia

Peschici è un piccolo comune pugliese in provincia di Foggia. La città domina da un promontorio alto novanta metri la costa nord del Gargano. Ad est invece sono collocate le rocce calcaree, che si gettano nell'Adriatico a formare cale e baie, di straordinaria...
Europa

Come visitare Castellammare Di Stabia in un giorno

Castellammare di Stabia è una vivace e deliziosa città in provincia di Napoli nota per le bellezze archeologiche, le acque termali e per la vicinanza ai siti di fama mondiale quali Pompei ed Ercolano, Sorrento e Vico Equense. Costituisce, dunque, anche...
Europa

Come visitare Chieti

Chieti gode di una posizione privilegiata. Dista solo quindici minuti dall'Adriatico e venti dalle cime nevose della Maiella. È un capoluogo di provincia dell'Abruzzo, e si trova a 330 metri sul livello del mare. Ospita l'importante sede dell'Università...
Europa

Come e perchè visitare il tunnel borbonico a Napoli

Come e perché visitare il tunnel borbonico a Napoli? Perché Napoli è una città dai mille volti e dai mille misteri. Se si ha la fortuna di trascorrere un periodo di vacanze in questo luogo meraviglioso non si deve perdere l'occasione di visitare il...
Europa

Come visitare Pietrelcina

Pietrelcina è un comune italiano in provincia di Benevento. Questo piccolo borgo di circa tremila abitanti è conosciuto da religiosi e non, per essere il paese natale di Padre Pio. Venne distrutta più volte in passato, la prima da Ruggero II di Sicilia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.