Cosa vedere a Lasha

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La città di Lasha è situata nel Tibet, nella valle del Kyi Chun a 3650 metri di altitudine. Il suo nome, in lingua originale, significa "Trono di Dio". Fino al 1750 fu territorio appartenente alla Cina, adesso è invece la capitale della Regione Autonoma del Tibet. È il luogo che il Dalai Lama ha scelto come residenza, ma è anche il luogo in cui, a seguito dell'invasione cinese del 1950, fu distrutto gran parte del patrimonio artistico. Nonostante ciò, nelle aree di Barkhor e del Potala, è a tutt'oggi possibile vedere tracce dello spirito della vecchia città scampate al tempo e alle invasioni.

27

Il museo del Potala

Il Potala è uno dei musei più belli e suggestivi dell'intera Asia ed è ubicato in cima al Monte rosso, sulla strada per la capitale. È costituito da un complesso imperiale che si distingue tra il Palazzo Rosso e il Palazzo Bianco; quest'ultimo comprende gli alloggi dell'amministrazione. Nel Palazzo Rosso ci sono otto stanze decorate con oro e pietre preziose in cui riposano le salme imbalsamate di Dalai Lama precedenti, oltre alle sale di preghiera.

37

I monasteri di Lhasa

Il Monastero Sera venne fondato da Sakya Yeshe nel 1419, si affaccia ai piedi del monte Sera Wueed ed è uno dei monasteri più grandi della città. Ogni anno il 27 dicembre si festeggia la fondazione del monastero, che per l'occasione apre le porte a file interminabili di fedeli provenienti da tutte le parti del mondo. Da non dimenticare per il visitatore, il Monastero del Gandan a 60 km a est di Lhasa, che fu costruito dal progenitore della famiglia Gelukpa nel XV secolo, al cui interno si trovano l'Accademia di sutra Yangbagyainjia e la sala Coquin. Il monastero di Jakhang è disposto sulla via circolare di Barkhor, la quale ci consente di visitare tutti i simboli e i luoghi sacri. Si tratta anche di un centro commerciale dove si possono trovare souvenir di manifattura tipicamente tibetana e dei posti caratteristici dove assaggiare le locali pietanze a base di cereali e formaggi di capra.

Continua la lettura
47

Il Giardino del Tesoro

Nei sobborghi della città troveremo Il complesso del Giardino del Tesoro, in lingua originale "Norbulingka", che fu costruito a partire dal 1755 e che nel tempo ha subito una serie modifiche a livello di architettura che hanno permesso di ampliare la sua area col risultato che oggi si mostra ai nostri occhi.

57

Cultura e religione

Negli ultimi tempi le autorità cinesi hanno promosso una campagna con la quale questa regione si è finalmente aperta al turismo, perché i visitatori possano condividere e godere di tutti i carismi che possiede. La cultura di questo Paese è strettamente legata alla tradizioni religiose del Buddismo e del Lamaismo: infatti la dimensione spirituale è diffusa in ogni aspetto della vita e della cultura; ed è proprio questo aspetto che rende ancora più affascinante il popolo tibetano.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Asia

Asia: i migliori itinerari per la moto

L'Asia è un continente vario ma anche misterioso. La cultura e le usanze orientali ci affascinano, così moltissimi sono gli occidentali che ogni anno decidono di intraprendere un viaggio in Asia, visitando diverse nazioni del continente. Se si vuole...
Asia

7 cose da non perdere in Tibet

Il Tibet prende di diritto il nome di tetto del mondo, questo perché è ubicato nel complesso roccioso più alto del pianeta, ovvero la catena himalayana. Conta ben 3 milioni di abitanti nonostante l'ambiente naturale sia tutt'altro che ospitale, e le...
Italia

I monasteri d'Italia

Oltre ad essere una nazione di grande cultura e bellezza l'Italia ha una grande e antica tradizione in sui monasteri, i quali sono presenti in gran numero da Nord a Sud. Da sempre i monasteri hanno suscitato a chiunque il fascino della spiritualità,...
Europa

Come E Perché Visitare Montserrat In Spagna in un giorno

Montserrat (letteralmente il suo significato è "monte seghettato"), dista circa 50 Km da Barcellona. È situato a 725 m d'altezza ed è circondato da imponenti montagne, che sembrano proteggerlo. È uno dei luoghi di culto più importanti della Spagna...
Consigli di Viaggio

Come visitare il monastero di Santa Chiara di Napoli

Nel territorio italiano sono moltissime le attrazioni che affascinano i turisti di tutto il mondo. Essi scelgono l'Italia perché comprendono il valore dell'arte. Il monastero di Santa Chiara, ad esempio, è un complesso di edifici costituto dalla stupenda...
Sudamerica

10 posti da vedere in Perù

il Perù è uno degli Stati più estesi del sud America. Confina a nord con Ecuador e Bolivia, a est con il Brasile, a sud con il Cile e ad ovest con l'Oceano Pacifico. Il Perù è uno stato con origini antichissime ed è ricco di zone montuose, un esempio...
Europa

Come E Perché Visitare Il Monastero Di Santa Maria De Pedralbes

Se fai un viaggio nella splendida città Barcellona ci sono tantissime cose da non perdere. Le stupende piazze, le particolarissime strade, gli strani edifici e gli immancabili musei e le chiese. Soprattutto nel centro storico, sul lungomare e nella zona...
Asia

Mongolia: cosa visitare

La Mongolia, il secondo stato più grande del mondo, appartiene all' Asia Centrale. Ssituato tra la Cina e la Russia, presenta una vasta superficie ma, nonostante questo, risulta essere lo stato che presenta la più bassa densità di abitanti del mondo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.