Cosa vedere a Padova in un weekend

Tramite: O2O
Difficoltà: media
112

Introduzione

Padova, città meravigliosa del Veneto, è sicuramente una delle mete che attrae più turisti. "Venezia la bella, Padova è sua sorella": basta sentire questo detto popolare per comprendere quali bellezze ed attrazioni ci siano in questo luogo. In questo spunto descriviamo quali sono le cose più importanti da vedere in città in un weekend da passare con la propria anima gemella, con la famiglia o gli amici, ma anche in una gita solitaria nella città alle pendici dei Colli Euganei.

212

La Cappella degli Scrovegni

Sicuramente, l'elemento più caratteristico della città, nonché il più famoso, è la Cappella Degli Scrovegni, il ciclo pittorico dipinto da Giotto in soli due anni, tra il 1303 ed il 1305, con cui diede inizio alla rivoluzione della pittura, conducendola ad una fase ancor più avanzata. Egli fu incaricato di procedere alla realizzazione dell'opera da Enrico Scrovegni, un ricco banchiere padovano (inserito anche nella Divina Commedia da Dante), il quale volle omaggiare suo padre Reginaldo Scrovegni. È intitolata a Maria Vergine Annunziata, ed in essa sono raffigurati gli episodi della vita di Maria, di Gioacchino ed Anna (i suoi genitori), e di suo figlio Gesù. Un'opera maestosa, che attrae non solo fedeli devoti alla fede cattolica, ma anche amanti dell'arte che giungono qui da molte parti del mondo per ammirare le bellezze e le tecniche dell'arte di Giotto.

312

Musei Civici di Padova

A pochi passi dalla Cappella degli Scrovegni, nella stessa piazza, ovvero Piazza Eremitani, ci sono i musei civici della città: il Museo Archeologico ed il Museo d'Arte Medievale e Moderna. Essi sono aperti tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle 9 alle 19. La prima racchiude al suo interno alcuni reperti risalenti all'epoca antica della storia del Veneto, ma anche dell'antica Roma e dell'Antico Egitto. Nel Museo d'Arte Medievale e Moderna, invece, si possono osservare le opere dei grandi maestri della pittura italiana vissuto tra il XIV e XIX secolo. Uno degli elementi più caratteristici è il Crocifisso di Giotto, che prima si trovava proprio nella Cappella degli Scrovegni. Ma importante è anche la presenza di altri dipinti realizzati da pittori veneti e non, come Boccaccio Boccaccino o Jacopo Robusti, noto come Tintoretto.

Continua la lettura
412

La Basilica di Sant'Antonio

Santo protettore della città, ad Antonio di Padova (il cui nome di battesimo era Fernando Martins de Bulhoes, portoghese di nascita) è stata intitolata la Basilica che ospita le sue reliquie. Ogni giorno essa è meta di pellegrinaggio da parte dei fedeli, soprattutto nella giornata del 13 giugno in cui si festeggia la festa in onore del Santo con una processione che termina proprio nella Basilica. Dal punto di vista artistico, ciò che balza subito all'occhio è la combinazione di diversi stili, come quello romanico nella facciata centrale, quello gotico nelle sette cappelle, oppure, ancora, lo stile bizantino. All'interno della basilica sono visibili la Cappella del Gattamelata, quella di San Giacomo ed ancora la Cappella della Crocifissione. Inoltre, all'esterno della basilica, nella piazza antistante, si trova il Monumento equestre al Gattamelata, una statua in bronzo che è stata costruita da Donatello.

512

Il Prato della Valle

È la più grande piazza di Padova, con quasi 90 mila metri quadrati di superficie. Innanzitutto, al suo interno è presenta un'isola verde chiamata "Memmia" (omaggio al podestà Andrea Memmo che la commissionò nel 1775), circondata da un canale al cui interno sono presenti statue che raffigurano importanti personaggi del passato. Le canalette fungono anche da raccolta dell'acqua piovana, anche se ad oggi molte di esse risultano otturate. Da alcuni anni, inoltre, l'esterno dell'isola è stato asfaltato ed è utilizzato dai pattinatori anche per alcune gare di pattinaggio a livello professionistico.

612

Il Palazzo del Bo

Nel Palazzo del Bo, situato a Padova in via VIII Febbraio, sono presenti le aule dell'Università locale. Al suo interno, molto famosi sono il Teatro Anatomico, fatto in legno nel 1594 ed in cui gli studenti osservavano dall'alto le autopsie sui corpi, e la Cattedra di Galileo Galilei nella Sala dei Quaranta (chiamata così per la presenza di quaranta ritratti di studenti stranieri), in cui il celebre astronomo studiava ed insegnava la matematica e la fisica nei periodi in cui frequentava il palazzo, tra la fine del Cinquecento e l'inizio del Seicento. È possibile visitare il palazzo tutti i giorni, domenica esclusa: di mattina il martedì, giovedì e sabato, mentre di pomeriggio, il lunedì, il mercoledì ed il venerdì.

712

Il Duomo di Santa Maria Assunta

La Cattedrale di Santa Maria Assunta a Padova è considerata il Duomo della città. Progettata da Michelangelo nel 1551, è un edificio molto elegante e caratteristico. La facciata principale è rimasta incompleta ed il suo interno è molto classico ed armonioso, ma privo di originalità, che invece è un elemento appartenente al Battistero adiacente al Duomo, sorto nel XII secolo ma ricostruito nel 1260 e consacrato nel 1281: è adornato da un ciclo di affreschi appartenenti a Giusto de' Menabuoi, con al centro la figura enorme di Gesù, accompagnato da centinaia di angeli e santi. L'opera è risalente alla seconda metà del XIV secolo. Inoltre, nella zona antistante il Duomo è presente il Palazzo Vescovile, e nella stessa piazza si teneva il famoso "mercato dei porci".

812

L'Orto Botanico

Patrimonio dell'UNESCO dal 1997, è il più antico orto botanico universitario al mondo, essendo stato fondato nel 1545. La caratteristica che si può notare immediatamente è l'ordine con cui le piante sono sistemate nelle aiuole, e vengono classificate piante velenose, piante rare, piante in via d'estinzione e piante medicinali. Al suo interno è presente il Giardino della Biodiversità, in cui sono state riportate le zone climatiche della Terra. Vi è quindi la possibilità di ammirare tante tipologie di piante fin dalla loro nascita, a cui possono essere scattate anche delle suggestive fotografie.
L'Orto Botanico è aperto al pubblico tutti i giorni, esclusa la domenica, dalle 9 alle 19, esclusi alcuni periodi invernali in cui la chiusura è anticipata alle 18 o alle 17.

912

La Piazza dei Signori e la Torre dell'Orologio

La Piazza dei Signori è considerata il salotto della città, un luogo ideale di ritrovo per un aperitivo o una passeggiata. Al centro si trova la famosa Torre dell'Orologio, che si erge tra il Palazzo del Capitanio e il Palazzo dei Camerienghi. In stile gotico e con al suo interno il famoso orologio astronomico, la torre fu costruita nel XIV secolo, ma fu sopraelevata nel 1428 e resa così come la possiamo vedere oggi. È stata restaurata di recente, e ci si può accedere tutti i giorni per una visita guidata, con ingresso gratuito.

1012

Piazza delle Erbe e della Frutta

La Piazza delle Erbe è stata per secoli il fulcro delle attività commerciali della città, e ancora oggi è sede di numerosi mercati. Alle sue spalle, oltre il Palazzo della Regione (di cui parleremo in seguito) è presente un'altra piazza commerciale, "Piazza della Frutta", in cui, a discapito del nome, si vendono soprattutto abiti. Le due piazze sono unite da un passaggio che è chiamato "Volto della Corda", che ha un angolo al di sotto di esso chiamato "Canton delle Busie", ovvero angolo delle bugie, denominato in questo modo perché qui i commercianti tentavano di ammaliare i loro acquirenti nelle trattative per la vendita di un prodotto.

1112

Palazzo della Ragione

Il Palazzo della Ragione, risalente al XIII secolo, si affaccia su Piazza delle Erbe. È considerato uno dei simboli della città: è chiamato anche "il Salone", per via del suo interno a mo' di salone da cui si accede per andare nella piazza. Il suo interno è costituito da uno spazio enorme completamente ricco di affreschi, con un ciclo pittorico tra i più grandi al mondo, ricco di elementi religiosi, zodiacali, astrologici, solo per citarne alcuni. Davanti al Salone è presente il "Palazzo delle Debite", che in passato fungeva da prigione, a cui si accedeva direttamente dal Palazzo della Ragione tramite un passaggio che ora, però, è stato distrutto.

1212

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Weekend a Venezia: cosa vedere in due giorni

In questo articolo di oggi parleremo di cosa vedere in in due giorni in un weekend a Venezia. Essa è una delle città italiane che attira tantissimi turisti tutti gli anni, provenienti da ogni parte del mondo e, che vogliono ammirare le particolarità...
Italia

10 cose da vedere in un weekend a Trieste

Vogliamo andare in vacanza ed abbiamo un solo weekend per farlo? Perché non visitare Trieste? La città italiana, capoluogo della regione Friuli-Venezia Giulia, dal clima subtropicale umido e splendidamente nota dal punto di vista botanico (infatti la...
Italia

Cosa vedere a Parma in un weekend

Parma è una delle città più importanti dell'Emilia Romagna, antica sede universitaria e centro culturale e artistico di primo livello. La città ha un'importanza storica notevole visto che è stata capitale del Ducato di Parma e Piacenza, e tutt'oggi...
Italia

Cosa vedere a Mantova in un weekend

Mantova è una città della Lombardia che ha visto il suo massimo splendore sotto il domino della famiglia Gonzaga tra il 1300 e il 1700 circa. Grazie a questa famiglia facoltosa Mantova si ritrovò a ospitare talentuosi artisti quali Leon Battista Alberti...
Italia

Cosa vedere a Lucca in un weekend

Storia, cultura e amore per l’arte questa è Lucca. Il capoluogo toscano può soddisfare le esigenze di chiunque voglia trascorre un week end sereno in una delle città d'arte più belle d'Italia. Ricca di chiese e di monumenti, offre anche alternative...
Italia

5 idee per un weekend in Lombardia

Viaggiare è forse una delle cose più belle che si possano fare durante la propria vita. Con il natale che si sta avvicinando e i vari ponti, organizzare un weekend in pieno relax e staccando magari la spina dal quotidiano è ancora più semplice. Una...
Italia

Come visitare Reggio Calabria in un weekend

È l'antica Rhegion, colonia greca, punto d'arrivo dell'autostrada del Sole, della linea ferroviaria costiera tirrenica, scalo per le comunicazioni marittime con la Sicilia, punta dello Stivale italico. Il suo aspetto, molto moderno, con impianto urbanistico...
Italia

Come organizzare un weekend a Ragusa Ibla

Per chi non lo sapesse, Ragusa Ibla è l’antica città di Ragusa. Ossia il nucleo dal quale ebbe sviluppo questo capoluogo di provincia siciliano. Tanto importante da meritarsi il titolo di "Patrimonio dell’Umanità". Infatti, a tutt'oggi, Ragusa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.