Eritrea: usi e costumi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'Eritrea è uno stato africano e si trova nella zona più orientale del Corno d'Africa. Confina ad ovest con il Sudan, a sud con 'Etiopia e a sud - est con il Gibuti. La particolarità di questo stato africano, così come di tantissimi altri paesi di queste zone è la presenza di numerosi gruppi etnici, ognuno con la sue tradizioni, religione e lingua. In questa guida ci occuperemo di illustrarvi gli usi e costumi dell'Eritrea.

24

Le diverse etnie

Come già anticipato in Eritrea convivono diversi gruppi etnici e per la precisione sono 9. Circa la metà della popolazione (55%) appartiene al gruppo dei Tigrini, mentre un altro gruppo abbastanza folto è rappresentato dai Tigrè con circa il 30% della popolazione. La restante parte della popolazione è suddivisa in altri sette etnie e sono: i Saho; i Kunama. I Bilen, iRashaida, i Nara, gli Afar e Hidareb. Talvolta queste etnie entrano in conflitto tra di loro scatenando delle vere e proprie guerre civili.

34

Tradizioni eritree

Secondo la tradizione il matrimonio è deciso sin dalla nascita dei due sposi, attraverso accordi presi tra le due famiglie. Il rituale inizia con delle trattative in cui la famiglia del ragazzo espone le future qualità dello sposo. Arrivato il fatidico giorno la tradizione vuole che il futuro marito con i suoi "archì", amici, si rechi a cavallo dalla sua futura moglie, in particolare nel villaggio della futura sposa viene organizzata una cerimonia con canti, banchetti e cortei. La tradizione vuole che il capo degli "archì"rapisca la fanciulla (finzione), essa viene condotta al villaggio dello sposo. La giovane viene posizionata sul letto, all'arrivo dello sposo esso deve recitare la parte dell' infuriato, sarà a questo punto che viene consumato il matrimonio. L'ultimo passo sarà il ritorno dalla madre della sposa che dovrà insegnare i diritti e i doveri di una moglie alla figlia, alla fine essa tornerà a vivere con l'uomo sposato. Il matrimonio potrà essere di due tipi: monogamo e di due tipi: "kal kidan", cioè solenne e pattuito tra le due famiglie; e quello "demoz", pattuito in denaro.

Continua la lettura
44

L'emancipazione delle donne

Anche a donna eritreae dopo le lotte del 1991 riescono ad emanciparsi, anche se più la metà della popolazione musulmana, le donne hanno una certa libertà infatti esse usano indumenti occidentali o indossano il tradizionale zurià, un indumento di colore bianco di cotone-garza a più strati e un velo bianco tenuto sul collo e sulla nuca. Un dato particolare che differenzia questo da altri stati con simile religione sta nel fatto che la donna a donna non ha la testa abbassata in presenza degli uomini, ma ha un comportamento che simboleggi la parità con quest'ultimi, anche se garbato e decoroso. Grazie alla loro partecipazione da "protagonista" durante la lotta armata, le donne si sono guadagnate i diritti civili. Molto importante è notare che anche le donne possono frequentare la scuola e prendersi perfino il diploma.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Africa

Etiopia: usi e costumi

L'Etiopia è il più antico Paese indipendente dell'Africa. E’ situtato nel corno d’Africa, non ha sbocco sul mare, e confina con Eritrea, Gibuti, Somalia, Kenya, Sudan e Sudan del Sud. La capitale, Addis Abeba, ospita un terzo dell’intera poplazione...
Africa

Asmara: cosa vedere

Asmara, la capitale dell'Eritrea, non è certo una delle classiche mete del turismo estivo. Tuttavia, complice la sua scarsa notorietà, la città conserva un fascino unico: è possibile addirittura che nei prossimi anni entri a far parte dei Patrimoni...
Italia

5 ristoranti etnici da provare a Torino

La cucina "etnica" ai giorni nostri è sempre più di tendenza. Nelle grandi città le opportunità per provare dei ristoranti etnici sono in continua crescita. Evidentemente anche la cucina italiana (seppur conosciuta per la sua ottima qualità) necessita...
Africa

Come visitare le attrattive turistiche del Sudan

Il Sudan è un mondo pieno di bellezze da scoprire. Bagnato dal Mar Rosso, lo stato africano raccoglie e valorizza un paradiso posto a largo del Porto Sudan e di Suakin, le cui rovine sono ancora visibili, nonostante il territorio sia stato abbandonato...
Sudamerica

Le lingue più parlate in Africa

Ioannis Ikonomou è un uomo di cui probabilmente non avete mai sentito parlare. E questo è un po' un peccato perché il suo particolare talento naturale è unico. Ioannis lavora per l'Unione Europea come linguista e traduttore e parla... 32 lingue. Inclusa...
Africa

Benin: usi e costumi

L'Africa è un continente molto vasto che conta al suo interno decine di Stati. Nella parte più occidentale dell'Africa troviamo lo Stato del Benin, una Repubblica Presidenziale nata nel 1975 e prima conosciuta con il nome di Dahomey. Benin ha un'estensione...
Asia

Nepal: usi e costumi

Incastonato tra Cina ed India, il Nepal è una repubblica democratica di circa 150.000 Kmq che vanta una popolazione di 30.000.000 di abitanti. L'etimologia del nome della nazione è sanscrita è significa "Paese sorvegliato da Ne". Nella cultura nepalese,...
Africa

Congo: usi e costumi

Il Congo è, per dimensioni, il terzo stato dell'Africa e si trova nella zona centrale del Continente. La storia del suo nome appare complessa. Fino all'anno 1960 prendeva il nome di Congo belga; nel periodo tra il 1971 e il 1997 era invece conosciuto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.