Guida: tour della Toscana in 7 giorni

Tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Se dovessi stilare una classifica delle regioni più belle d’Italia non avrei esitazione a collocare la Toscana sul podio.
Paesaggi stupendi e arte a cielo aperto, borghi incantati e percorsi enogastronomici fanno infatti di questa regione una delle mete più gettonate dai turisti italiani e soprattutto stranieri per i quali la Toscana è ai massimi indici di gradimento anche quando essi decidono di trasferirsi nel Belpaese.
E non è difficile comprenderne le ragioni: chi visita la Toscana ci lascia il cuore.
Un percorso di una settimana ne costituirà solo un assaggio e ci metterà di fronte all’imbarazzante scelta di quali luoghi privilegiare e quali sacrificare. Poco male… vorrà dire che ci riprometteremo senz’altro di tornarci!
Ma una scelta deve pur essere fatta e, con questa guida, mi assumo la responsabilità di effettuare, tra i (tantissimi) luoghi imperdibili, una selezione di quelli che potremo visitare in un tour di soli 7 giorni.
Un consiglio mi pare prioritario: effettuiamo il nostro viaggio in auto. Se non andiamo con la nostra, noleggiamone una. Per quanto, infatti, i mezzi pubblici colleghino molto bene le varie aree e città della regione, solo l’automobile può garantirci la percorrenza delle più belle strade panoramiche della regione permettendoci di ammirare paesaggi mozzafiato.
Quanto al tempo da dedicare ad ognuno di questi luoghi… potremo decidere di volta in volta, tenendo conto che un soggiorno più lungo, in una delle nostre tappe, toglierà tempo al resto.
Alcune delle mete proposte possono pure essere oggetto di una "toccata e fuga" che impieghi un giorno o poco meno... Sempre che riusciremo a staccarci da quell'incanto e a decidere di andar via!

29

Occorrente

  • Guida turistica della Toscana
  • Abbigliamento adatto per lunghe scarpinate
39

Pisa

Questo tour parte idealmente da Pisa. È evidente che, nel caso in cui facciamo scalo a Firenze o qualora giungiamo in Toscana provenendo da Sud, potremo invertire l'ordine delle tappe.
Identificata in Italia e nel mondo con la sua Torre Pendente, Pisa offre al visitatore uno spettacolo inenarrabile proprio con la sua Piazza dei Miracoli in cui, in un solo colpo d’occhio, la vista abbraccia l’imponente complesso monumentale che vede, in successione, il Battistero, il Duomo e la Torre sulla cui cima bisogna assolutamente salire per godere di una splendida vista sull'’intera piazza e sui tetti della città.
Immancabile una passeggiata per le vie del centro storico, tra cui Borgo Stretto da cui si dipartono viuzze antiche piene di fascino, e una visita ai Lungarni, romanticissime passeggiate che permettono di ammirare i palazzi storici che affacciano sul lungofiume e di immergersi nel cuore pulsante della vita pisana.

49

Lucca

Ad appena una ventina di chilometri da Pisa, raggiungeremo in breve Lucca.
Soprannominata “la città delle cento chiese” (che di sicuro non potremo veder tutte!), Lucca è magnificamente incorniciata dalle sue mura cinquecentesche che le conferiscono un incredibile fascino. Esse sono le uniche cinte murarie arrivate, ai nostri giorni, intere e in perfetto stato di conservazione. Lunghe ben quattro chilometri e larghe una trentina di metri, esse rappresentano un bellissimo camminamento alberato da percorrere a piedi per ammirare, a ogni passo, splendidi scorci della città.
Immergiamoci nel centro storico di Lucca nel quale non perderemo la piazza dell’Anfiteatro, sorta sulle antiche spoglie romane, crocevia importantissimo della vita cittadina, la cui particolare forma di piazza “chiusa” (ha solo piccole aperture dalle quali vi si accede) ne segna, ad un tempo, la specificità e l’incredibile armonia.
Raggiungiamo il Duomo, nell'omonima piazza, del quale è doveroso ammirare anche lo splendido interno per le pregevolissime opere d’arte che vi sono custodite. Non perdiamo poi, a pochi minuti a piedi, la chiesa di San Frediano, in stile romanico, di cui potremo ammirare lo splendido mosaico sulla facciata.
Non andiamo via da Lucca senza vedere la particolarissima Torre Guinigi (che sulla sua sommità ospita un giardino di lecci!) e la Torre delle Ore, col suo orologio a carica manuale risalente al 1700 e ancora perfettamente funzionante.

Continua la lettura
59

Pistoia

Da Lucca, Pistoia dista 35 chilometri.
Se con noi ci sono dei bambini è d’obbligo, nel tragitto verso Pistoia, fare una deviazione per Collodi, il paesino della provincia pistoiese da cui prese il nome un suo illustre concittadino, Carlo Lorenzini, lo scrittore di Pinocchio. A questo personaggio, amato da grandi e piccini, il paese ha dedicato un meraviglioso parco nel quale vale la pena spendere qualche ora per fare immergere i nostri figli all'interno di una delle più belle fiabe che sia mai stata scritta!
A Pistoia, proclamata capitale italiana della cultura nel 2017, potremo godere dello spettacolo di un meraviglioso centro storico cittadino di impronta medievale ammirando, nella splendida Piazza del Duomo, la cattedrale dedicata a San Zeno con la sua Torre campanaria, il Battistero di San Giovanni in Corte, il Palazzo Pretorio e il Palazzo comunale (risalenti al governo dei podestà).
Con una bella passeggiata a piedi potremo poi visitare Piazza della Sala, centro nevralgico di Pistoia, ricca di locali e bar nei quali sostare per un necessario rinfresco, e le adiacenti "via degli Orafi", coi suoi palazzi liberty e "via della Torre" con i suoi caratteristici archi medievali.
Un suggestivo percorso sotterraneo, che parte dall'’Ospedale del Ceppo, ci permetterà poi un’immersione nella Pistoia medievale percorrendo quello che, in passato, era il letto di un fiume, alla scoperta delle radici storiche della città.

69

Firenze

Appena una trentina di chilometri da Pistoia e potremo raggiungere Firenze.
Probabilmente c’è poco da dire che non sia già stato detto su Firenze, una città che, prima ancora che custodire i più importanti tesori dell’arte del Belpaese, è essa stessa un museo a cielo aperto.
Nella nostra passeggiata per il centro cittadino, incontreremo, per cominciare, piazza del Duomo, con la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, la maestosa cupola del Brunelleschi, il Battistero e il Campanile di Giotto (ancora una volta consiglio di salir su per godere della vista della città).
Immancabile l’attraversamento del suggestivo Ponte Vecchio, con la sua preziosa galleria di oreficerie, che ci condurrà a Palazzo Pitti e al lussureggiante Giardino dei Boboli.
Impossibile perdersi poi, in piazza Santo Spirito, la visita di Santa Maria Novella, una delle più belle chiese di Firenze, e gli splendidi affreschi della Cappella Tornabuoni. E ancora, non è possibile andar via da Firenze senza aver visitato Piazza della Signoria con la meravigliosa Loggia dei Lanzi accanto a Palazzo Vecchio.
La verità è che a Firenze non possiamo permetterci di guardare tutto dall'esterno. Certe meraviglie, come ad esempio, la Galleria degli Uffizi e le splendide opere del nostro Rinascimento, meritano assolutamente di esser viste. Ed è per questo che, se siamo riusciti a dedicare un sol giorno (per ciascuna) a Pisa, Lucca e Pistoia, potremo decidere di dedicarne almeno un paio a Firenze, il “minimo sindacale” per non andar via dalla città pieni di rimpianti.

79

Le colline del Chianti e San Gimignano

Il percorso che ci porterà all'ultima tappa del nostro tour, attraversa la meravigliosa zona delle colline del Chianti, nella quale, a perdita d’occhio, si aprirà alla nostra vista il meraviglioso panorama delle dolci colline ricche degli oliveti e, soprattutto, dei vigneti la cui produzione vinicola ci ha resi famosi nel mondo.
Si tratta di un tragitto spettacolare attraverso la natura che ci permetterà pure di respirare la storia del cuore della Toscana, coi suoi borghi medievali fortificati e i suoi castelli.
Ciascuno dei piccoli centri che incontreremo sul nostro cammino ci potrà consentire una sosta per un percorso gastronomico imperdibile e per l’irrinunciabile degustazione del Chianti, oltre che rappresentare una terrazza sul meraviglioso panorama circostante che è una festa di verde e (se saremo nel periodo giusto) pure per un colpo d’occhio su sterminati campi di girasoli.
Se proprio dobbiamo scegliere uno tra i borghi lungo il nostro percorso, non perdiamoci San Gimignano.
Delle 72 originarie torri fortificate della città, oggi ne restano poco più che una decina, che, ad ogni modo, caratterizzano l’aspetto di questa splendida cittadina medievale nella quale il tempo sembra essersi fermato.
Incamminiamoci a piedi per il centro storico (dobbiamo essere pronti a una camminata per le sue stradine tortuose e in salita!) nel quale, oltre allo splendore di ogni via, passeremo per l’incanto della splendida Piazza del Duomo fino a giungere a Piazza della Cisterna che premierà la fatica della nostra camminata, oltre che con la vista sul Castello, i palazzi storici e le torri, soprattutto con una vista inenarrabile sulla valle.

89

Siena

Il nostro tour si conclude con la visita di Siena.
La città del Palio è, meritatamente, tra le mete più frequentate dai turisti in visita in Toscana.
Il nostro percorso, che si svolgerà per lo più tra Piazza del Duomo e Piazza del Campo, ci mostrerà una bellissima città ricca di storia.
Piazza del Duomo meriterebbe già da sola una visita alla città: in essa ammireremo la Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta, tra i più importanti esempi di romanico-gotico italiano che è già uno spettacolo dall'esterno, coi suoi accecanti marmi bianchi. Ma quel che è proprio imperdibile è l’interno del duomo, che custodisce opere di inestimabile valore artistico tra i quali uno spettacolare pavimento dai meravigliosi mosaici di marmo. Imperdibile poi la visita, dietro l’altare, alla Libreria Piccolomini, dai mirabili affreschi realizzati da Pinturicchio e pure da un giovane Raffaello.
Ancora a Piazza del Duomo è visitabile il Battistero in cui è possibile ammirare splendidi affreschi.
Nota nel mondo per il famoso Palio in cui gareggiano le contrade della città, Piazza del Campo è una delle più belle piazze del mondo.
Colpiscono subito la sua caratteristica forma a conchiglia e il dominio incontrastato del colore rosso della sua pavimentazione in cotto e dei palazzi storici che vi si affacciano.
Vi possiamo ammirare la Fonte Gaia, una monumentale fontana marmorea ricca di statue e splendidi bassorilievi, il Palazzo Pubblico (oggi sede del Museo Civico) con la sua Torre del Mangia e, tra i bellissimi palazzi storici, Palazzo Petroni e Palazzo Piccolomini.
Le strade che costeggiano il nostro percorso saranno pure un’ottima occasione per una sbirciatina alle innumerevoli botteghe e soprattutto ai tantissimi negozi per lo shopping.
Una bella camminata tra traverse e viuzze adiacenti a Piazza del Campo, potranno poi condurci al parco cittadino degli Orti dei Tolomei, attraverso un tragitto che ci permetterà una vista imperdibile sulle colline senesi.

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se possiamo permetterci di scegliere, realizziamo il nostro tour in primavera quando i panorami toscani raggiungono il loro massimo splendore
  • Assaggiamo le tipiche leccornie di ogni località toscana, tra cui il buccellato lucchese e il panforte senese
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Guida: tour della Campania in 7 giorni

La Campania è una regione dell'Italia meridionale che si affaccia direttamente sul mar Tirreno e si estende dalla foce del Garigliano fino al Golfo di Policastro. Il paesaggio mediterraneo, la ricchezza storica ed artistica di questa terra vi daranno...
Italia

Guida: tour delle Marche in 7 giorni

Le Marche uniscono il fascino di paesaggi montani e collinari alla brezza marittima che si respira lungo la costa. Con i suoi borghi storici, le sue mete balneari e le città d'arte, dove fiorisce anche un'effervescente vita notturna, questa regione è...
Italia

Guida: Tour del Trentino Alto Adige in 7 giorni

Se stai pensando alle tue prossime vacanze e hai in mente una destinazione rilassante, magari a stretto contatto con la natura, il Trentino Alto Adige fa sicuramente al caso tuo. Il Trentino è infatti la meta ideale per una settimana all'insegna del...
Italia

Guida: tour del Lazio in 7 giorni

Il Lazio è una delle regione più affascinanti in Italia, grazie alla sua grande storia e alle bellezze naturali, cha spaziano delle colline fino alle zone costiere. Girare la regione non è difficile, basta soltanto un po' di organizzazione e il gioco...
Italia

Guida: tour della Calabria in 7 giorni

Punta dello stivale all'estremo sud della penisola, la Calabria ha il fascino polivalente di una terra dai mille volti.Divisa tra lo Ionio e il Tirreno, la Calabria attrae soprattutto i viaggiatori alla ricerca di uno dei più bei mari del Paese, grazie...
Italia

Come fare un tour della Sicilia in 7 giorni

Gli esperti del settore stimano per il 2018 un aumento del 20% del turismo in Sicilia che è già stato, peraltro, abbondantemente confermato dal boom di presenze registrato nelle scorse vacanze pasquali. Del resto non è difficile comprenderne le ragioni:...
Italia

Guida: tour dell'Italia in 10 giorni

Negli ultimi anni, gli italiani hanno preferito trascorrere le proprie vacanze, che siano estive o invernali, in località estere, tralasciando le numerose attrattive e i bellissimi paesaggi del nostro Belpaese. Pur con tutti i suoi problemi, l'Italia...
Italia

Come organizzare un tour enogastronomico in Toscana

Quando pensiamo alle bellezze che il nostro Bel Paese ci offre, una delle prime regioni a cui ci riferiamo è la splendida Toscana. Grazie agli sconfinati spazi verdi ed al buon cibo, abbiamo modo di perderci tra le tradizioni enogastronomiche nostrane...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.