Guinea Equatoriale: usi e costumi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La Guinea Equatoriale è uno Stato africano non molto noto ma in cui abbiamo veramente una varietà numerosa di usi e costumi grazie alle differenti culture che la abitano, popolazioni originari dei territori dell’Africa Sub-Sahariana Occidentale. La cosa più interessante è che tra gli usi e i costumi di questo Stato rientrano anche quelli spagnoli e portoghesi perché in passato questi territori sono stati occupati appunto da loro.

25

La popolazione dei Fang

Il popolo più diffuso nella Guinea Equatoriale è quella dei Fang. Questa popolazione è divisa in clan con ognuno un proprio capo che ovviamente sarà quello più anziano e con più esperienza. Nonostante ci sia un capo che ha l'ultima parola su tutti i campi del clan bisogna comunque dire che prima di decidere consulta sempre persone abili e capaci in quell'argomento. Sebbene ci sia un capo può far pensare ad una specie di schiavitù, ma non è così, infatti ogni persona del clan è riconosciuto un ruolo in base alle proprie capacità. Sono popolazioni stanziali, abitano in un villaggio. In genere sia uomini che donne sono dediti principalmente alle coltivazioni commerciali (soprattutto cacao, arachidi, granturco e banane); gli uomini inoltre praticano anche la caccia e le donne la raccolta dei prodotti selvatici. Il culto principale è quello "Bwiti", trasformato però in religione monoteistica di tipo cristiano-cattolico con aggiunta di riti e cerimonie magiche. Molto abili nelle arti plastiche, i Fang sono famosi per la costruzione di "grandi maschere".

35

Gli indigenti Bubi

Si tratta di una "popolazione indigena" che vive ancora allo stato rurale nella zona dell’isola di Bioko ed anche se indigena è subito la seconda popolazione per popolarità dopo quella dei Fang. Parlano prevalentemente spagnolo (come conseguenza delle colonizzazioni) ed hanno credenze molto vicine alla religione cristiana. Diciamo molto vicini perché insieme ad essa in contemporanea praticano i loro culti tradizionali che sono per la maggior parte di tipo animista attribuendo divinità ad oggetti.

Continua la lettura
45

I pigmei e la loro cultura particolare

I Pigmei giocano un ruolo importante nelle popolazioni della Guinea Equatoriale perché furono i primi nel territorio, oggi invece rappresentano una minoranza etnica nomade stanziale. Tale popolazione conserva ancora una cultura di tipo preistorico, infatti gli uomini sono prevalentemente cacciatori (utilizzano arco e frecce avvelenate), mentre le donne sono dedite alla pesca ed alla raccolta dei prodotti naturali-selvatici (non coltivati) della terra. Abili nella lavorazione del legno, i Pigmei ignorano completamente invece la lavorazione della pietra. Il loro stile di vita è in gran parte basato su una profonda conoscenza dell’ambiente circostante (basti pensare all’uso delle piante ai fini curativi ed all’estrazione del veleno) ma la cosa che colpisce di più sono le loro credenze negli spiriti e nella "metempsicosi" cioè addirittura credono che l'anima dei defunti vada a finire nel corpo degli elefanti.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Con alcune popolazioni è difficili instaurare un rapporto di comunicazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Africa

Guinea: usi e costumi

Uno dei paesi più affascinanti ed etnici che si affacciano sull' Oceano Atlantico e che appartiene al continente africano, è la Repubblica di Guinea, conosciuta anche come Guinea Conakry. Confina a nord con la Guinea-Bissau e con il Senegal, a nord...
Africa

Gabon: usi e costumi

La Repubblica Gabonese, più comunemente chiamata Gabon, è uno Stato dell'Africa centrale attraversato dall'equatore. Confina con il Camerun, la Repubblica del Congo, la Guinea Equatoriale ed il Golfo di Guinea che la collega all'Oceano Atlantico. È...
Africa

Kenya: usi e costumi

Il Kenya si trova nella parte orientale dell'Africa e confina con l'Uganda, la Tanzania, la Somalia e infine con l'Etiopia. Il centro del Kenya viene costituito da un altopiano, diviso dalla fossa tettonica della Great Rift Valley. La Great Rift Valley...
Africa

Somalia: usi e costumi

La Somalia è uno degli Stati africani ubicati nella zona orientale, detta "Corno d'Africa" ed è una Repubblica Federale.Il nome attuale di Somalia le fu dato dall'esploratore italiano Luigi Robecchi Bricchetti, che fu il primo europeo a visitare i vasti...
Africa

Tunisia: usi e costumi

La Tunisia è una delle mete turistiche più gettonate. Il suo grande successo è sicuramente dettato dalle numerose bellezze naturali ed culturali che questa terra riesce ad offrire sia ai suoi abitanti che ai turisti. Risulta essere lo stato più piccolo...
Africa

Etiopia: usi e costumi

L'Etiopia è il più antico Paese indipendente dell'Africa. E’ situtato nel corno d’Africa, non ha sbocco sul mare, e confina con Eritrea, Gibuti, Somalia, Kenya, Sudan e Sudan del Sud. La capitale, Addis Abeba, ospita un terzo dell’intera poplazione...
Africa

Madagascar: usi e costumi

Il Madagascar è la più grande isola del mondo. Se provate a controllare su una carta geografica, potrete notare quante volte riuscirebbe ad entrarci l'Italia! Ci abitano 16 milioni di persone, divise in circa 18 etnie. Il Madagascar fa parte dell'Africa...
Africa

Uganda: usi e costumi

L’Uganda è uno splendido Stato nel cuore dell’Africa Orientale, il cui nome deriva dall'antico regno di "Buganda". La popolazione è formata da molteplici gruppi etnici, i più rilevanti sono i Baganda, i Basoga e i Pigmei. Ciascun ceppo dell'Uganda...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.