I Castelli dell'Emilia Romagna

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sono in molti ad amare lo stile meraviglioso dei Castelli, i quali ancora oggi possono essere visitati ed ammirati in moltissime città. Di certo, tramite un'accurata ricerca sul web e tramite i consigli di questa utilissima guida, potrete progettare una piccola vacanza per visitare appunto dei meravigliosi castelli. In questo modo, non avrete la necessità di rivolgervi ad una guida, dunque potrete risparmiare notevolmente il vostro denaro. A questo punto, non vi rimane che continuare a leggere con attenzione le semplici indicazioni riportate nei successivi passi di questa guida, per apprendere utili informazioni per quanto riguarda i Castelli dell'Emilia Romagna.

26

Occorrente

  • Qualche giorno di ferie per visitare tutti i Castelli
36

Palazzo Re Enzo:

Il nostro lungo viaggio parte dal capoluogo di regione ovvero Bologna per essere più chiari direttamente nel cuore della città stessa. Infatti in pieno centro è proprio situato il Palazzo Re Enzo, questa struttura venne realizzata con l'intenzione di allargare il Palazzo del Podestà. Tre anni dopo che fu terminata, nel 1245 divenne la dimora di Re Enzo, figlio di Federico II di Svevia, fatto prigioniero durante la battaglia di Fossalta presso Modena.

46

Bentivoglio:

Proseguendo per le strade dell'Emilia alla ricerca di vecchi castelli non potete non fermarvi a quello di Bentivoglio, una vecchia leggenda narra che la sua edificazione fosse da parte del figlio illegittimo di Re Enzo, invece la storia lo vuole come edificio dato in affitto da parte del Vescovo di Modena al Marchese di Canossa, padre di Matilde di Canossa. Il Castello subisce delle ristrutturazioni durante i secoli, e via via perde il fascino antico, ma ancora oggi è in grado di offrire a chi vuole visitarlo all'interno, stupende pitture sulle pareti. La sala più grande del Castello è denominata la Sala dei Giganti dove tra le colonne vengono ritratti i paesaggi dei possedimenti degli antichi proprietari.

Continua la lettura
56

La Rocca:

Infine, non potrete non visitare la Rocca situata o meglio incastonata sull'Appennino. La peculiarità di questa costruzione sta nel fatto che mescola in modo molto sapiente vari stili come ad esempio quello medievale e quello moresco. A differenza degli altri Castelli questa struttura non viene realizzata allo scopo di difendere la città ai suoi piedi, ma vuole essere il punto d'inizio da dove partirà un nuovo modo di fare medicina, ovvero l'elettromeopatia. Il proprietario il Conte Cesare Mattei, inizia proprio al suo interno i suoi studi, che lo resero famoso in tutto il mondo. Purtroppo altrettanto non si può dire della sventurata costruzione, la quale alla morte del conte, vede piano piano la sua decadenza.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il periodo migliore per visitare queste costruizioni è sicuramente la primavera dove si può godere anche della bellezza dei giardini.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Le migliori sagre dell'Emilia Romagna

Viaggiando per l'Italia, dalla città al piccolo centro, si scoprono manifestazioni e sagre che ci riportano indietro nel tempo. Esse si presentano come dei veri e propri tour enogastronomici accompagnati spesso da rievocazioni storiche e dimostrazioni...
Italia

Alla scoperta dell'Emilia Romagna

Le regioni d'Italia sono ricche di storia, chi per un motivo, chi per un altro, ognuna ha molto da raccontare, tra queste c'è sicuramente l'Emilia Romagna, con la sua cultura di stampo contadino. In tale regione ci sono tante cose da visitare come le...
Italia

Emilia Romagna: come muoversi e cosa visitare

In questa guida vi verrà spiegato come muoversi e cosa visitare in Emilia Romagna. Partiamo innanzitutto col dire che l'Emilia Romagna è una delle 20 regioni italiane più belle in assoluto. Infatti, l'Emilia Romagna è una regione davvero piena di...
Italia

Le più rilassanti beauty farm in Emilia Romagna

le Beauty Farm sono strutture presenti in tutta Italia, dov’è possibile rilassarsi e trascorrere intere giornate all’insegna del benessere e del relax, lasciando da parte dunque i numerosi stress che ci affliggono nella vita quotidiana, a partire...
Italia

10 consigli per organizzare un viaggio in Romagna

Romagna e Sangiovese, è festa nel mio cuore, cantava Raoul Casadei. E in effetti, in Romagna è sempre festa. Con la sua riviera, da decenni meta favorita dai vacanzieri in cerca di divertimento, il suo amore per la convivialità e la buona tavola, la...
Italia

I migliori ristoranti etnici di Reggio Emilia

Attualmente molte persone scelgono di provare una cucina diversa da quella del proprio paese. Ci si orienta infatti su pietanze etniche che provengono dall'estremo oriente, oppure dai paesi sudamericani. Anche la cucina africana si sta facendo strada...
Italia

Castelli d'Italia da visitare

I castelli risalgono a tempi definiti che variano sia dai primi anni dopo Cristo, che fino a qualche secolo fa. Le visite ai castelli sono sin da sempre un ottimo modo per unire il piacere alla conoscenza della storia del nostro meraviglioso bel Paese....
Italia

Guida ai castelli del Piemonte

Il Piemonte, regione ricca di cultura, offre a coloro che decidono di visitarlo alcuni dei castelli più belli d'Italia. Distribuiti in tutte le province della regione, queste meravigliose strutture, tutt'ora visitabili con o senza guida, hanno origine...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.