I monasteri d'Italia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Oltre ad essere una nazione di grande cultura e bellezza l'Italia ha una grande e antica tradizione in sui monasteri, i quali sono presenti in gran numero da Nord a Sud. Da sempre i monasteri hanno suscitato a chiunque il fascino della spiritualità, della storia, dell’arte e dell’architettura, e hanno sempre elargito rifugio a chiunque vi si si reca solo per visitarli, o è alla ricerca di pace e serenità.

25

Monastero di Sant'Antonio e il Monastero della Santissima Trinità

Nei pressi di Ferrara, in Emilia Romagna risiede il Monastero di Sant'Antonio in Polesine fondato nel 1257. La sua bellissima costruzione in stile romanico, la si deve a Beatrice II d’Este e l’attività religiosa al suo interno, è gestita dalle monache Benedettine che offrono ospitalità giornaliera senza pernottamento, per momenti di santa preghiera. In Veneto, invece è locato il Monastero della Santissima Trinità nelle vicinanze della città di Venezia e fu fondato nel 1834 da Madre Augusta Nicola, una suora dell’ordine delle Clarisse le quali ancora oggi vi risiedono, dopo essere state ordinate monache di clausura dal Papa, nel 1922.

35

L'Abbazia del Santissimo Salvatore e il Monastero di Santa Coletta

Uno dei monasteri più importanti è l’Abbazia del Santissimo Salvatore, la quale si trova in Toscana precisamente sul Monte Amiata. Qui vi risiedono i monaci dell’Ordine Cistercense. In Piemonte, a Montalto Dora, sorge invece il Monastero di Santa Maria e San Michele, il quale è abitato dalle monache di clausura dell’Ordine Cistercense le quali dal 1041, data della sua costruzione, al 1940, furono cacciate dai militari e personaggi politici. Le suore offrono ospitalità ad un massimo di 3 persone, di sesso femminile. Uno dei Monasteri di recente costruzione è sicuramente il Monastero di Santa Coletta, il quale si trova esattamente in Umbria. Esso fu fatto edificare nel 1905, si trova ad Assisi ed è abitato dalle monache francesi dell’ordine delle Clarisse.

Continua la lettura
45

La Basilica di Sant'Antonio da Padova

Si ricorda infine, la Basilica di Sant'Antonio da Padova, che è la più grande chiesa di Padova. La costruzione della Basilica è iniziata probabilmente intorno al 1235, diciannove anni dopo la morte di S. Antonio. È stato completata nel 1301, anche se diverse modifiche strutturali hanno avuto luogo tra la fine del 14 ° e la metà del 15 ° secolo. Il Santo, secondo la sua volontà, era stato sepolto nella chiesetta di Santa Maria Mater Domini, probabilmente risalente alla fine del 12 ° secolo e nei pressi della quale c'era un convento da lui fondato nel 1229. Questo monastero venne incorporato nella basilica attuale e denominato la Cappella della Madonna Mora.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Guida alle città più belle di Italia

L'Italia è nota all'estero come "il Bel Paese". La denominazione viene attribuita alla nazione in quanto rinomata per la sua storia, per la cultura artistica e letteraria. Nonostante ciò, non sempre gli italiani sanno apprezzare la grande ricchezza...
Italia

Bioparchi: i più belli d'Italia

Oggi in Italia non vi sono più gli zoo, ma bensì i Bioparchi: particolari parchi zoologici gestiti con l'obbiettivo di salvaguardare le risorse naturali. Lo scopo di queste nuove strutture è quello di insegnare ai più piccoli le caratteristiche delle...
Italia

I 10 laghi più belli d'italia

Scegliere, tra i tanti, quali siano I10 laghi più belli d'Italia è impresa piuttosto difficoltosa. L'Italia è un paese estremamente variegato quanto a bellezze, sia artistiche che naturali. La nostra terra vanta un patrimonio culturale e naturalistico...
Italia

5 località da visitare in Italia

È impensabile fare una lista di tutti i luoghi da visitare; probabilmente, per conoscere a fondo l'Italia non basterebbe una vita. In Italia ogni luogo ha la sua storia, le sue ricchezze ricchezze sono indicibili per quanto riguarda la bellezza dei suoi...
Italia

Come visitare l'Italia in moto

Non tutti sanno che, turismo e moto, sono perfettamente compatibili tra loro. Infatti, sempre più turisti, ogni anno, decidono di organizzare un giro d'Italia tutto in moto, al fine di visitare le bellezze ed il fascino del nostro paese, che con altri...
Italia

Come organizzare una vacanza coast to coast in Italia

Con l'estate alle porte si pone il problema di pianificare le vacanze. In famiglia ognuno ha le proprie preferenze: chi ama il mare, chi la montagna, chi predilige il lago, chi vuole una vacanza alternativa. Per questo motivo può risultare difficile...
Italia

Nord Italia: i migliori luoghi da visitare

L'Italia è un paese che non offre solo luoghi rinomati come le città d'arte di Roma, Firenze e Napoli, ma presenta anche delle zone altrettanto interessanti come quelle del Nord Italia. Spaziando infatti da est ad ovest, e possibile ammirare tantissime...
Italia

10 motivi per cui i turisti amano l'Italia

L'Italia è amatissima dai turisti di tutto il mondo, che la scelgono come meta delle vacanze in tutti i periodi dell'anno e per i motivi più vari, dalla cultura allo sport, dagli splendidi paesaggi naturali al carattere affabile per cui noi italiani...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.