I piatti caratteristici della valle d'Itria

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La Valle d'Itria è uno dei luoghi più suggestivi e caratteristici del nostro territorio e si trova più specificatamente fra le province di Brindisi, Taranto e Bari. Questa località tutta pugliese nasconde anche i più che caratteristici trulli pugliesi, ma non solo, essa nasconde anche dei piatti caratteristici davvero gustosi ed unici. Se come giusto siete dell'idea che per conoscere e capire un popolo bisogna conoscere anche le sue tradizioni gastronomiche, seguiteci alla scoperta seguiteci nella golosa scoperta dei piatti caratteristici della Valle d'Itria!

26

Gli gnummareddi

Le carni della zona sono note per la loro bontà, ed in generale la Puglia è molto legata all'allevamento degli ovini, quindi il primo piatto che vi presentiamo non poteva che essere gli gnummareddi. Gli gnummareddi sono dei saporiti involtini di carne, i quali contengono interiora o di agnello o di vitello, in budello. Spesso cotti su di una griglia, sono un piatto di cui è impossibile non innamorarsi.

36

La frittata di lampascioni

Altro piatto principe della tradizione pugliese e della Valle d'Itria è la frittata di lampascioni. Ma di cosa stiamo parlando quando parliamo di lampascioni? Stiamo parlando di un tipo di cipolla selvatica tipica della zona. Il piatto è molto facile da preparare, bisogna procedere come per una classica frittata di cipolle.

Continua la lettura
46

Le orecchiette con cime di rapa

Chi non ha mangiato le orecchiette almeno una volta della vita? Questa tipica ricetta regionale è ormai arrivata sulle tavole di tutta Italia, ma per riscoprire il suo gusto verace il consiglio è di gustarla nella Valle d'Itria. Se invece volete ricreare questo piatto in casa il consiglio è di preparare non solo il condimento di rape, bensì anche la pasta stessa in casa.

56

Le sagne 'ncannulate

Un altro tipo di pasta da provare assolutamente sono le sagne. Questa pasta ha una forma "ritorta" molto particolare, bellissima da vedere oltre che molto buona. Il condimento che meglio si sposa a tale leccornia è un sugo fatto di passata di pomodori e di genuina ricotta forte salentina. Quest'ultima è una ricotta morbida e piccante.

66

Il Capocollo di Martina Franca

Se cercate gusti semplici ma spettacolari delle fette di Capocollo di Martina Franca sono la pietanza perfetta per voi. Questo salume è ricavato per l'appunto dalla coppa, o lonza, del maiale. Esso durante il processo di lavorazione viene lavato e lasciato a marinare per alcune ore nel "vincotto", il risultato è un prodotto di eccellente qualità e gusto cui non potrete davvero resistere! E giunti a questo punto non ci resta che augurarvi buon appetito!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

I piatti caratteristici della tradizione fiorentina

La tradizione culinaria Fiorentina è considerata la bandiera portante della tradizione Toscana, una cucina, così come quella di praticamente qualunque altra regione Italiana, ricca di sapori e spesso basata su ingredienti semplici. La lista dei piatti...
Italia

Valle d'Aosta: visitare i castelli della valle d'Ayas

La Valle d'Aosta offre, a chi si reca a visitarla, panorami unici e luoghi interessanti da visitare. Principalmente, una delle ricchezze della Valle d'Aosta è data dai numerosi castelli della valle d'Ayas disseminati sul suo territorio. Nella guida che...
Italia

10 consigli per organizzare un viaggio in Valle D'Aosta

La Valle D' Aosta, autentico tetto d'Europa, è la più piccola delle Regioni italiane che presenta alcune tra le vette più imponenti del continente fra cui le cime più alte delle Alpi. Per godersi al meglio le bellezze naturali e paesaggistiche della...
Italia

Guida ai castelli della Valle d'Aosta

I castelli della Valle d'Aosta sono fortezze immerse nel panorama alpino, spesso circondate da ostacoli naturali. Questo perché buona parte delle fortificazioni di questa regione erano nate con uno scopo puramente difensivo, specialmente quelle risalenti...
Italia

Che cosa visitare in Valle d'Aosta in una settimana

La Valle d'Aosta è una delle regioni più belle d'Italia nonostante le sue dimensioni ridotte. Indissolubilmente legata alle Alpi e porta per la Francia, la Valle d'Aosta è un vero gioiello. Si trova ogni sorta di attrazione da quella naturale come...
Italia

Valle d'Aosta: come muoversi e cosa visitare

La Valle d'Aosta è diventata la meta ambita da tanti amanti della natura. Sono sempre di più le persone che ci si recano in ogni periodo dell'anno per visitarla e godere delle sue bellezze. In effetti è difficile star lontani da una regione così,...
Italia

Vacanze green in Valle d'Aosta

Vacanze in Valle d’Aosta. Un tesoro tutto da scoprire, laddove l’evoluzione tecnologica dell’uomo non è riuscita ad arrivare, permettendo di conservare i tesori che la terra ci ha donato. Qui, la regione più piccola d’Italia, risulta, a coloro...
Italia

Come fare trekking in Valle d'Aosta

La Valle d'Aosta si trova nell'estremo nord-occidentale del territorio italiano e confina ad ovest con la Francia, a nord con la Svizzera, a sud e a est con il Piemonte. È la Regione più piccola e meno popolata d'Italia, con meno di 130.000 abitanti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.