Le più belle escursioni sulle montagne calabresi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La maggior parte dei turisti che sceglie la Calabria per le proprie vacanze lo fa principalmente per gli oltre 800 chilometri di costa, adornata da bellissime spiagge e mare cristallino. La Calabria è però costituita in larga parte da montagne, in quanto percorsa interamente dall'Appennino. Il Massiccio del Pollino, l'Altopiano della Sila e l'Aspromonte offrono davvero molte opportunità per i turisti che amano le attività all'aria aperta, sia durante la stagione invernale che in quella estiva. In questa breve e semplice guida vogliamo proporre alcune tra le più belle escursioni da effettuare sulle montagne calabresi, per godere di paesaggi spettacolari e della natura più incontaminata.

26

Sentiero del brigante, Aspromonte

Il primo percorso escursionistico che vogliamo consigliare è il "Sentiero del Brigante", che parte in Aspromonte e termina nelle Serre Calabresi, attraversando ben due aeree protette. Si tratta di un percorso piuttosto lungo, suddiviso in ben nove tappe, da percorrere, volendo, anche in nove giorni, calcolando all'incirca cinque ore di camminata al giorno (considerate la distanza, e le caratteristiche del territorio). La lunghezza non deve però spaventare gli amanti delle passeggiate tranquille perché si tratta di un percorso molto semplice, adatto a tutti. Ad ogni tappa è prevista la possibilità di consumare un pasto, mentre solo in alcuni punti avrete la possibilità di pernottare. Potrete quindi decidere di effettuare tutto il percorso, oppure di terminarlo dopo una qualsiasi tappa. Le nove tappe sono le seguenti: da Gamberie a Carmelia, da Carmelia a Zervò, da Zervò a Trepitò, da Trepitò a Passo del Mercante, da Passo del Mercante al Passo della Limina, dal Passo della Limina a Mongiana, da Mongiana alla Ferdinandea, dalla Ferdinandea a Serra San Bruno, dalla Ferdinandea a Bivongi e Stilo.

36

Torrente Gallipari

Questa seconda escursione è certamente più impegnativa della precedente, anche se in verità solo il tratto di risalita del fiume risulta difficoltoso mentre il resto del percorso non è così complicato e nemmeno molto lungo dato che si tratta di poco più di 5 km. Naturalmente è un sentiero da affrontare solo nei mesi estivi, data l'impossibilità di bagnarsi durante quelli invernali. Il percorso si estende lungo il fiume Gallipari, che costituisce il confine naturale tra i comuni di Isca e Badolato, in Provincia di Catanzaro, la destinazione finale è la bellissima cascata di Pagliari. Tutto il sentiero è circondato da una fitta vegetazione, ricca in particolare si spinare, quindi è consigliabile indossare pantaloni lunghi. Lo spettacolo della cascata sarà la ricompensa finale alla vostra fatica.

Continua la lettura
46

Sentiero Norman Douglas, Longobucco

Questo percorso prende il nome dal noto scrittore che, dopo averlo percorso all'inizio del XX secolo, ne descrisse dettagliatamente le caratteristiche. La prima parte del percorso corrisponde al sentiero che collegava l'entroterra dell'altopiano silano con i comuni di Longobucco ed Acri. Al termine del sentiero (dopo circa 2 km di cammino) incontrerete il torrente Trionto, che potrete risalire circondati dalle alte pareti in granito. Lungo il percorso potrete anche ammirare una bella cascata alta poco più di 7 metri. Il paesaggio circostante è ancora del tutto incontaminato ed attraverserete una fitta vegetazione. Per il rientro seguite il percorso del fiume in direzione di Longobucco, lungo il quale incontrerete maestosi massi in marmo rosa.

56

Percorso ad anello sul Monte Cocuzzo

Il quarto itinerario escursionistico che vogliamo consigliare è forse il più spettacolare in termini di paesaggio. Si tratta infatti del percorso ad anello che conduce al Monte Cocuzzo, che con i suoi oltre 1500 metri, è la cima più alta della Catena Costiera Paolana, in provincia di Cosenza. Dalla vetta è possibile godere di una vista davvero spettacolare: le Isole Eolie, i monti dell'Orsomarso e del Pollino, tutto l'Aspromonte e l'Etna, i monti della Sila. Il percorso è classificato come escursionistico, dunque non è particolarmente impegnativo (la durata prevista è di circa 5 ore), basterà avere un minimo di allenamento alla camminata e calzature adeguate.

66

Monte la Caccia

Vogliamo concludere con un percorso un po' più impegnativo dei precedenti, ma di spettacolare bellezza. Parliamo del Monte la Caccia, situato alle appendici del massiccio del Pollino. Il sentiero non è particolarmente lungo, ma il dislivello è di circa 1000 metri e le pendenze sono un pochino impegnative. Lungo il tragitto potrete anche pernottare nel caratteristico rifugio "Bel Vedere" (prenotando possibilmente in anticipo), realizzato con pietra calcarea locale e legno e visitare la storica chiesa di Santa Croce. La vista che si può godere dalla cima è davvero spettacolare: il mare ed i paesini costieri, l'isola di Cirella e Diamante, la Montea, il Cannitello, la Mula. Se la visibilità è buona si possono vedere anche le Isole Eolie.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Le più belle escursioni da organizzare in Puglia

La Puglia è tra le più belle regioni del Sud, ricca di fascino, storia e cultura a 360°. Ha iniziato la sua fama di meta turistica solo negli ultimi anni, ma è uno scrigno tutto da scoprire. Ce n'è per tutti i gusti, per gli amanti del mare, della...
Italia

Le più belle escursioni da organizzare nella Valle d'Itria

Con l'arrivo dell'estate, tutti programmano delle belle e gradevoli vacanze per consentirsi il meritato riposo dopo mesi di impegnativo lavoro! Sia che si tratti di mare, sia che si tratti di montagna o di zone collinari, l'importante è organizzare una...
Italia

Alto Adige: escursioni sul Rosengarten

Il Rosengarten o Catinaccio è un gruppo montuoso delle Dolomiti che si trova tra la Val d'Ega, la Val di Fassa e la Val di Tires: dal classico colore bianco della roccia dolomia si estende in lunghezza per molti chilometri, offrendo ai turisti numerosissime...
Italia

Alto Adige: escursioni sul Latemar

L'Italia è ricca di posti naturali tutti da visitare. Tuttavia, quando pensiamo alle bellezze del nostro paese ci risaltano subito alla mente i posti di mare, con le spiagge il mare pulito; ma oltre a tutto ciò, in Italia ci sono dei luoghi di montagna...
Italia

Itinerari ed escursioni in Sardegna

Seconda isola per estensione nel mar Mediterraneo, la Sardegna offre numerosi spunti per i turisti. Grazie ai suoi paesaggi mozzafiato, al mare e al clima mite, l'isola attira ogni anno un gran numero di visitatori. Oltre all'aspetto puramente paesaggistico...
Italia

Le montagne più vicine a Milano

Milano è una delle città più belle d'Italia, essa è il capoluogo della Lombardia e grazie al suo milione e mezzo di abitanti, è la seconda città più popolata dell'intera nazione dopo la capitale italiana, considerando invece le città d'Europa...
Italia

Alpi Giulie: guida alle escursioni

Lo spettacolare impianto delle Alpi Giulie delimita lo spartiacque orientale alpino italiano.Si estende altresì per buona parte anche in territorio sloveno, dove si innalza la cima più alta della catena, il monte Tricorno a 2.864 m s. L. M.Nella porzione...
Italia

Le più belle gite nel Sudtirolo

Quando si avvicinano le vacanze, siano esse estive o invernali, iniziano anche i conti sui luoghi migliori da visitare ed esplorare. L'eterno dilemma è tra mare e montagna, ma se hai già le idee chiare sua quale delle due mete scegliere, e hai scelto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.