Mali: usi e costumi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La Repubblica del Mali si trova in Africa ed è una terra selvaggia ma ospitale, quasi incontaminata dall'occidente; infatti, era un ex colonia francese quindi all'epoca molto ricca, invece oggi con l'indipendenza è diventato un paese piuttosto povero. La posizione continentale, molte zone desertiche e la continua siccità, continuano a mantenere il paese in una situazione di arretramento dal punto di vista economico. A prescindere da ciò, ecco una guida su usi e costumi tipici della popolazione locale.

25

Le tribù festeggiano l'abbondante raccolto

Il Mali è comunque un luogo consigliato a chi vuole intraprendere un viaggio culturale di grande impatto, e stare a contatto con un mondo diverso da quello occidentale. Qui vivono molte etnie che convivono pacificamente tra loro, e sono unite da vincoli di parentela. Logicamente ogni tribù a delle proprie tradizioni che si tramandano da padre in figlio. Ad esempio la più numerosa è quella dei Bambara che amano festeggiare nel mese di settembre l'abbondante raccolto, vestendosi come i loro antenati e cantando e ballando per l'intera notte.

35

I matrimoni si celebrano con riti particolari

Inoltre molto famosi sono i cosiddetti uomini blu del deserto i Tuareg, ossia dei guerrieri nomadi che seguono uno stile di vita ancora molto tradizionale e tipico degli anni passati. Infatti, amano festeggiare i matrimoni che avvengono tra persone molti giovani con canti e balli, per augurare ai futuri sposi felicità, e soprattutto con dei particolari riti auspicare la nascita di tanti bambini. Nel Mali il villaggio è la forma d'insediamento maggiormente diffusa, ed è rappresentato da tante abitazioni distribuite per quartieri, a loro volta divise da stradine a forma serpeggiante. Inoltre le capanne hanno una forma circolare fatte di stuoia e pelli, mentre nella zona del Sahel si prediligono costruzioni in terra battuta, dalle forme quadrate e regolari.

Continua la lettura
45

I canti sono tramandati da padre in figlio

Oltre i suggestivi scenari dei piccoli centri, il Mali offre numerose città storiche. Tra le destinazioni suggerite vi è la mitica Timbuctu dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, e Djenné con la sua spettacolare moschea di fango. La musica del Mali è molto particolare; infatti, molto diffusi sono i canti dei griots ossia una sorta di bardi locali, dove la memoria musicale e le storie degli antichi imperi vengono tramandate da padre in figlio. Gli strumenti di tipo a corda, fiato e percussione sono realizzati solo artigianalmente, utilizzando materiali esclusivamente offerti da madre natura come foglie e rami.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I francesi descrivono il Mali con il termine "attachant", per raccontare con una sola parola gli effetti di questa terra. Caldamente consigliato come viaggio di conoscenza ed evoluzione spirituale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Africa

Kenya: usi e costumi

Il Kenya si trova nella parte orientale dell'Africa e confina con l'Uganda, la Tanzania, la Somalia e infine con l'Etiopia. Il centro del Kenya viene costituito da un altopiano, diviso dalla fossa tettonica della Great Rift Valley. La Great Rift Valley...
Africa

Somalia: usi e costumi

La Somalia è uno degli Stati africani ubicati nella zona orientale, detta "Corno d'Africa" ed è una Repubblica Federale.Il nome attuale di Somalia le fu dato dall'esploratore italiano Luigi Robecchi Bricchetti, che fu il primo europeo a visitare i vasti...
Africa

Tunisia: usi e costumi

La Tunisia è una delle mete turistiche più gettonate. Il suo grande successo è sicuramente dettato dalle numerose bellezze naturali ed culturali che questa terra riesce ad offrire sia ai suoi abitanti che ai turisti. Risulta essere lo stato più piccolo...
Africa

Etiopia: usi e costumi

L'Etiopia è il più antico Paese indipendente dell'Africa. E’ situtato nel corno d’Africa, non ha sbocco sul mare, e confina con Eritrea, Gibuti, Somalia, Kenya, Sudan e Sudan del Sud. La capitale, Addis Abeba, ospita un terzo dell’intera poplazione...
Africa

Madagascar: usi e costumi

Il Madagascar è la più grande isola del mondo. Se provate a controllare su una carta geografica, potrete notare quante volte riuscirebbe ad entrarci l'Italia! Ci abitano 16 milioni di persone, divise in circa 18 etnie. Il Madagascar fa parte dell'Africa...
Africa

Uganda: usi e costumi

L’Uganda è uno splendido Stato nel cuore dell’Africa Orientale, il cui nome deriva dall'antico regno di "Buganda". La popolazione è formata da molteplici gruppi etnici, i più rilevanti sono i Baganda, i Basoga e i Pigmei. Ciascun ceppo dell'Uganda...
Africa

Egitto: usi e costumi

L'Egitto è sicuramente una delle terre più antiche del mondo, ed anche la prima che ha conosciuto la civiltà; infatti, ancora oggi vanta innumerevoli tradizioni che la rendono unica nel suo genere. Usi e costumi dell'Egitto sono infatti molto apprezzati...
Africa

Guinea Bissau: usi e costumi

Una delle più piccole nazioni dell' Africa occidentale è la Guinea Bissau, la cui capitale è Bissau. In origine il nome era "Guinea", successivamente però fu aggiunto il nome della capitale per non confondere lo stato con quello della Guinea confinante....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.