Mauritius: usi e costumi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La Repubblica di Mauritius è un isola collocata nell'Oceano Indiano, vicina al Madagascar, comunque appartenente all'Africa. La capitale del luogo è Port Louis. Ha come simbolo il dodo, il famoso uccello estinto, che dà l'immagine e il nome all'isola, grazie alla sua aggraziata fisionomia. Presenta un clima tropicale favorevole tutto l'anno per chi vuole scoprire questo paradiso terrestre, così definito da Mark Twain, tranne nella stagione dei cicloni che va da novembre ad aprile. La lingua ufficiale è il francese, ma viene anche parlato l'inglese. Questo forma un quadro caratteristico dell'isola, ora basta solamente viaggiare per conoscere Mauritius: usi e costumi.

24

Mauritius è famosa nel mondo per i suoi usi e costumi più variegati, anche grazie all'aria cosmopolita che vi si respira. Infatti è un'isola multietnica per via dei diversi credi religiosi e culture; tutti questi aspetti si riflettono anche sull'economia, ovvero si basa maggiormente sulla pesca e sul turismo, che dà incremento così al paese. Molto importante a tal proposito è l'artigianato che implica un aspetto tipico dell'isola, mediante gli oggettini creati a mano, braccialetti o treccine che spesso vengono venduti o fatte sulla spiaggia per pochi euro. Fanno parte dell'artigianato anche le conchiglie (simbolo dell'isola, però da comprare esclusivamente nei negozi, non dagli ambulanti abusivi, perché esiste il rischio di arresto). Un altro aspetto importante è rappresentato dalla seta, infatti sono molti i vestiti ricamati e cuciti con questa stoffa, proprio perché è pregiata e a basso costo.

34

La musica rappresenta un aspetto tradizionale dell'Isola, insieme ai balli. Il ballo tipico è la Sega, di origine africana, ballata muovendo il bacino, accompagnata dal suono di un tamburo. Si tratta di una danza davvero coinvolgente perché rilassa i sensi e l'animo. Spesso nell'entroterra di Mauritius vengono cantate e ascoltate canzoni indiane. Lo sport è molto praticato dagli abitanti soprattutto la boxe e il calcio, ma sovente vengono organizzati delle vere e proprie competizioni di ballo per decretare il migliore.

Continua la lettura
44

La cucina non è da sottovalutare, perché come risaputo è proprio dal cibo che si può conoscere la cultura di un popolo. Una cultura, in questo caso, multietnica poiché racchiude tutte quelle usanze creole, indiane, francesi e cinesi, con accompagnamento di vini, cocktail, verdure, frutta, vaniglia e spezie (un esempio è il pollo al curry) che rendono i piatti gustosi e allo stesso tempo colorati. Da non dimenticare è la lavorazione e la produzione del Rum, che sovente possono essere scoperte grazie alle visite programmate nelle rhumerie dell'isola. Infine è bene non scordare nella tradizione mauritiana l'emissione dei francobolli, perché sono di buona fattura e indimenticabili per l'economia dell'isola.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Africa

Somalia: usi e costumi

La Somalia è uno degli Stati africani ubicati nella zona orientale, detta "Corno d'Africa" ed è una Repubblica Federale.Il nome attuale di Somalia le fu dato dall'esploratore italiano Luigi Robecchi Bricchetti, che fu il primo europeo a visitare i vasti...
Africa

Tunisia: usi e costumi

La Tunisia è una delle mete turistiche più gettonate. Il suo grande successo è sicuramente dettato dalle numerose bellezze naturali ed culturali che questa terra riesce ad offrire sia ai suoi abitanti che ai turisti. Risulta essere lo stato più piccolo...
Africa

Etiopia: usi e costumi

L'Etiopia è il più antico Paese indipendente dell'Africa. E’ situtato nel corno d’Africa, non ha sbocco sul mare, e confina con Eritrea, Gibuti, Somalia, Kenya, Sudan e Sudan del Sud. La capitale, Addis Abeba, ospita un terzo dell’intera poplazione...
Africa

Madagascar: usi e costumi

Il Madagascar è la più grande isola del mondo. Se provate a controllare su una carta geografica, potrete notare quante volte riuscirebbe ad entrarci l'Italia! Ci abitano 16 milioni di persone, divise in circa 18 etnie. Il Madagascar fa parte dell'Africa...
Africa

Uganda: usi e costumi

L’Uganda è uno splendido Stato nel cuore dell’Africa Orientale, il cui nome deriva dall'antico regno di "Buganda". La popolazione è formata da molteplici gruppi etnici, i più rilevanti sono i Baganda, i Basoga e i Pigmei. Ciascun ceppo dell'Uganda...
Africa

Mauritania: usi e costumi

La Mauritania o, ufficialmente, la Repubblica islamica di Mauritania è un Paese islamico situato in Africa Occidentale e confinante con l'Oceano Atlantico (ad Ovest), il Sahara (a Nord), l'Algeria (a Nord-Est), il Mali (a Sud-Est) ed il Senegal (a Sud-Ovest):...
Africa

Egitto: usi e costumi

L'Egitto è sicuramente una delle terre più antiche del mondo, ed anche la prima che ha conosciuto la civiltà; infatti, ancora oggi vanta innumerevoli tradizioni che la rendono unica nel suo genere. Usi e costumi dell'Egitto sono infatti molto apprezzati...
Africa

Guinea Bissau: usi e costumi

Una delle più piccole nazioni dell' Africa occidentale è la Guinea Bissau, la cui capitale è Bissau. In origine il nome era "Guinea", successivamente però fu aggiunto il nome della capitale per non confondere lo stato con quello della Guinea confinante....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.