Miti e leggende delle isole Eolie

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le isole Eolie (Isuli Eoli in siciliano), costituiscono un arcipelago dell'Italia appartenente all'arco Eoliano, in Sicilia. La loro origine è caratterizzata da diversi miti e leggende: sono infatti dette anche isole Lipari dal nome del re Liparo, mitico colonizzatore dell'isola, contemporaneo del dio dei venti Eolo che si fermò a lungo su queste isole, alle quali diede il nome, grazie alla sua capacità di domare i venti, essenziale per gli isolani che erano soprattutto pescatori e avevano bisogno di conoscere i cambiamenti delle condizioni meteorologiche.

24

Struttura e storia dell'arcipelago

Il geografo dell'antica Grecia Strabone enumera ben 7 isole che formano l'Arcipelago: Ericodes, Strongyle, Lipara, Vulcania, Didyme, Phoinkodes ed Evonimos, e il drammaturgo Omero canta Lipari come la patria del re Eolo, amico degli dei dell'Olimpo e signore dei venti. Secondo il poema dell'Odissea Eolo regala i venti ad Ulisse per tornare ad Itaca, ma purtroppo i marinai greci invidiosi aprono il contenitore dei venti nefasti che fanno naufragare Ulisse che va alla deriva perdendo così la possibilità di tornare a casa dopo la lunga guerra di Troia.

34

Miti e misteri delle isole

In realtà gli archeologi hanno scoperto che le isole erano deserte nell'antichità, e furono popolate solo in un periodo successivo a quello degli Achei e dei poemi omerici. Naturalmente la fantasie degli scrittori del tempo ha donato alle isole i loro miti e i loro misteri, in modo da renderle una meta tanto attrattiva quanto ritenuta pericolosa per esploratori e marinai, che arrivarono a colonizzarle soltanto secoli e secoli dopo. L'importanza strategico-militare e strategico-commerciale delle isole a crocevia del Mediterraneo non potevano che attrarre tiranni e conquistatori che le resero ancora più splendide.

Continua la lettura
44

La leggenda di Vulcano

Nell'isola di Vulcano, secondo la leggenda ellenica, dimora il dio Efesto, colui che aveva dotato i tre dei principali, Zeus, Ade e Posidone delle tre leggendarie armi con le quali dominavano i loro regni. Zeus il fulmine con il quale dominava i cieli, Ade il forcone con il quale dominava gli inferi, e Posidone il tridente per dominare i mari. Il dio fabbro Efesto forgiava le armi direttamente nel vulcano dell'isola di Vulcano, tanto che i Romani iniziarono a chiamare il dio Vulcano, dal luogo in cui forgiava le magiche armi. Il celebre scudo di Achille, utilizzato dall'eroe per combattere contro il nemico troiano Ettore, grazie all'intercessione di sua madre Teti, fu creato proprio da Efesto, con rame e stagno (componenti del bronzo) uniti a frammenti di oro e argento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Le spiagge più belle dell'Eolie

Le isole Eolie sono un arcipelago italiano. È un arcipelago di origina vulcanica, parte del suo fascino è data da questa particolare caratteristic, uno dei più affascinanti del Mar Tirreno. L'arcipelago comprende sette Isole, tutte molto affascinanti...
Europa

Come e perchè visitare le Isole Eolie

La Penisola Italiana è ricca di luoghi molto splendidi. Per riuscire a trascorrere delle vacanze in totale rilassamento, quindi, non occorre necessariamente recarsi fuori dal territorio italiano. Il meraviglioso arcipelago delle Eolie in Sicilia è composto...
Europa

Come raggiungere e visitare le isole Eolie

All'interno di questa guida, vi spiegherò come raggiungere e visitare le isole Eolie, una delle tante mete turistiche che offre la Sicilia, conosciute anche con il nome di "le sette sorelle". Posto incantevole dove il calore del sole è anche nelle persone...
Consigli di Viaggio

Come visitare le isole eolie e lipari

Lipari, Salina, Vulcano, Panarea, Stromboli con Strombolicchio, Filicudi e Alicudi sono alcune delle isole più belle del Mediterraneo e del Tirreno in quanto sorgono in un tratto di mare incontaminato e limpido che non ha niente da invidiare alle mete...
Italia

Come organizzare una vacanza a Vulcano

Vulcano, in provincia di Messina, fa parte delle isole Eolie. In questa isola, risultato dell'antica fusione di alcuni vulcani, si trovavano le mitologiche fucine del marito della bellissima Afrodite, il dio del fuoco (e fabbro degli dei) Efesto o Vulcano....
Italia

5 consigli per organizzare un viaggio alle Isole Eolie

Per godere di un paesaggio mozzafiato, di una natura incontaminata e di servizi efficienti e a buon prezzo, non c'è bisogno di volare per migliaia di chilometri: tante località italiane offrono tutto questo e molto altro, e tra queste spiccano di sicuro...
Italia

Isole Eolie: itinerari

Nella parte Nord della costa siciliana troviamo le famose Isole Eolie, un arcipelago di origine vulcanica. Possiamo scegliere gli itinerari a disposizione, tra: Panarea, Stromboli, Vulcano, Alicudi e Filicudi o Lipari, la più estesa. Si trovano nel Mar...
Consigli di Viaggio

Come visitare le Isole Eolie

L'arcipelago delle Eolie si costituisce principalmente da 7 isole maggiori ed altri piccoli isolotti e faraglioni. Rappresentano un'ambita meta turistica sul Tirreno. Appartenengono a Messina e sono ricche di grotte, calette, pareti rocciose e spettacolari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.