Molise: come muoversi e cosa visitare

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il Molise si colloca tra l'Abruzzo, il Lazio, la Puglia e la Campania. Bagnato dal Mar Adriatico, conta appena 35 km di costa. Poco conosciuto dal turismo mondiale, possiede paesaggi di straordinaria bellezza e siti archeologici di grande interesse. Nasce nel 1963 distaccandosi definitivamente dall'Abruzzo. Mancano superstrade, tangenziali e linee ferroviarie elettriche. Questa particolare condizione non ha penalizzato il Molise. Anzi, lo ha preservato dagli effetti negativi della modernità. Gli abitanti ed i visitatori si spostano agevolmente in bicicletta, a piedi oppure in auto per spostamenti più o meno lunghi. Ecco come muoversi e cosa visitare in Molise.

27

Occorrente

  • Cartina della regione
  • Una bicicletta
37

Paesaggi

Il Molise vanta paesaggi straordinari, dalla natura selvaggia ed incontaminata. Il territorio conta inoltre numerosi e verdeggianti vigneti ed uliveti. Il territorio eterogeneo spazia dai boschi alle sorgenti delle Mainarde e del Matese (Appennino centrale). Inoltre, si passa dalla macchia mediterranea alle acque cristalline della costa adriatica. Gli amanti della natura e delle lunghe passeggiate a piedi apprezzeranno sicuramente alcune realtà regionali. A tal proposito, da visitare l'oasi WWF di Guardiaregia, l'oasi LIPU di Casacalenda ed il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.

47

Borghi

I tratturi, "vie della transumanza", rappresentano un'ulteriore realtà regionale tra natura e cultura. Tuttavia, il verde non è l'unico protagonista del Molise. Da visitare assolutamente i numerosi borghi antichi, con nuclei storici di origini romane, altomedievali o medievali. Attualmente questi piccoli borghi, contano pochissimi abitanti. Vennero costruiti per difendere i cittadini dagli attacchi nemici. A tal proposito, si prediligevano i versanti o le cime delle colline più alte. Tutt'oggi custodiscono maestosi castelli, imponenti rocche e chiese ricche di arte e storia.

Continua la lettura
57

Siti archeologici

Il Molise vanta numerosi siti archeologici da visitare. Spaziano dalle testimonianze preistoriche a quelle sannitiche. Il sito paleolitico di Isernia La Pineta vanta un preziosissimo paleosuolo. Il teatro-tempio del santuario di Pietrabbondante testimonia l'occupazione sannitica del V secolo a. C. In Molise si trovano numerose tracce d'epoca romana. A tal proposito, da visitare la piccola città di Altilia, protagonista del film "Non ti muovere" di Sergio Castellitto. Da non perdere l'anfiteatro di Larino e l'Abbazia di S. Vincenzo al Volturno di struttura altomedievale. Da visitare anche il Museo Sannitico a Campobasso ed il Museo di S. Maria delle Monache ad Isernia.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dedicare almeno 3 - 4 giorni alla visita dei luoghi tipici del Molise
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Sardegna: come muoversi e cosa visitare

La Sardegna è una meta apprezzata dai turisti per le spiagge bianche dalla sabbia finissima, il mare turchese e le serate mondane in Costa Smeralda. Tuttavia, la Sardegna cela anche ulteriori itinerari esuli dai soliti luoghi comuni. L'isola ha molto...
Italia

Molise: itinerari

Il Molise, piccola ma suggestiva regione dell'Italia meridionale, vanta la presenza di numerose testimonianze archeologiche di epoca preistorica e preromana oltre che un litorale attrezzato che permette un turismo estivo. Meta ideale per chi è alla ricerca...
Italia

Lombardia: come muoversi e cosa visitare

La Lombardia è sicuramente una regione dove ci sono moltissime bellezze da visitare, sia paesaggistiche, come le Alpi ed il lago, sia per le città d'arte che offre. È anche una regione in cui le infrastrutture offrono una mobilità molto facile grazie...
Italia

Friuli: come muoversi e cosa visitare

Se si vuole organizzare in maniera perfetta un viaggio, per prima cosa sarà necessario ricercare una serie di informazioni sul luogo che abbiamo scelto di visitare, in modo da riuscire a preparare un programma evitando inutili perdite di tempo e vari...
Italia

Liguria: come muoversi e cosa visitare

La Liguria, piccola regione del Nord-Ovest, presenta in poco spazio una varietà di paesaggi che passa velocemente dal mare alla montagna. E’ una terra che unisce sfaccettature diverse ma perfettamente integrate, e offre una vasta gamma di opportunità...
Italia

Toscana: come muoversi e cosa visitare

L'Italia è un paese ricco di attrazioni turistiche che spaziano dalle bellezze naturali alle testimonianze dell'immenso patrimonio artistico, dagli itinerari eno-gastronomici agli eventi culturali. Ogni regione possiede le sue particolarità nei vari...
Italia

Valle d'Aosta: come muoversi e cosa visitare

La Valle d'Aosta è diventata la meta ambita da tanti amanti della natura. Sono sempre di più le persone che ci si recano in ogni periodo dell'anno per visitarla e godere delle sue bellezze. In effetti è difficile star lontani da una regione così,...
Italia

Molise: una regione da scoprire

Seconda regione più piccola d'Italia, subito dopo la Valle d'Aosta, interposta tra l'Abruzzo e la Puglia, il Molise: una regione da scoprire. Non tutti sanno che questa regione è uno scrigno di tesori ambientali e culturali di notevole pregio, dalle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.