Osimo: la città dei senza testa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Osimo la città machigiana che si trova in provincia di Ancona è anche chiamata "La città dei senza testa" perché nell'atrio del Palazzo Comunale si trovano delle statue rappresentati eroi romani in toga che sono acefale, appunto senza teste. La leggenda narra che queste statue in realtà sarebbero state decapitate in epoca molto antica, perché si pensava che contenessero oro e gioielli. Ci sono varie ipotesi tra chi possa essere stato, uno di queste colpevolizza il sindaco-mercenario Boccolino da Guzzone che da anche il nome a una piazza di Osimo, ma non ci sono prove che verifichino questo fatto come storia vera.

26

Quindi per fortuna non si parla di persone vere che venivano decapitate, ma di statue che purtroppo per loro sono senza testa, ed è da qui che spesso gli abitanti di Osimo vengono chiamati "I Senza Testa". Ma il Palazzo Comunale si merita una visita non solo per queste famose statue, ma anche per la sua facciata su tre piani che ha delle bellissime finestre decorate e per la torre civica costruita nel Duecento, ma ottenuta dal Comune solo nel Trecento. La porta principale si affaccia sulla stupenda Piazza del Comune che è ancora più suggestiva la sera quando il palazzo viene illuminato.

36

L'ultima parte del Palazzo che quella che contiene il Lapidarium, ovvero il luogo dove sono conservate le statue, i bassorilievi di età romana e gli epigrafi si affaccia su Piazza Boccolino, dove una fontana molto semplice diventa la protagonista. Il Duomo è diviso in tre navate e all'interno si può trovare la cripta che contiene le reliquie dei primi martiri e dei santi vescovi, fu costruita da Mastro Filippo nel 1911. Accanto alla cattedrale si trova il Battistero quattrocentesco che ha un soffitto molto particolare perché realizzato a cassettoni realizzato dall'artista Alberto Sarti di Jesi, mentre il fronte battesimale in bronzo venne eseguito dai fratelli Jacometti nel Seicento.

Continua la lettura
46

È da ricordare che la città di Osimo fu roccaforte in età romana e che molto probabilmente a governarla era proprio Pompeo Magno che ha lasciato la sua traccia nella città con una maestosa stele. Ma, i romani non sono stati l'unico popolo ad attraversare Osimo, ne è una prova la bandiera dell'invasione turca che si trova nel Duomo dedicato a San Leopardo. È un bellissimo esempio di architettura romanica-gotica marchigiana, che dovrebbe risalire tra il XII e il XIII secolo con il suo enorme rosone e i portali in pietra che costituiscono il disegno della facciata.

56

È da ricordare che la città di Osimo fu roccaforte in età romana e che molto probabilmente a governarla era proprio Pompeo Magno che ha lasciato la sua traccia nella città con una maestosa stele. Ma, i romani non sono stati l'unico popolo ad attraversare Osimo, ne è una prova la bandiera dell'invasione turca che si trova nel Duomo dedicato a San Leopardo. È un bellissimo esempio di architettura romanica-gotica marchigiana, che dovrebbe risalire tra il XII e il XIII secolo con il suo enorme rosone e i portali in pietra che costituiscono il disegno della facciata.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Visitare le Marche
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Le 10 città d'arte italiane

Il nostro paese è ricco di posti interessanti da visitare e scoprire, essendo un paese pieno di storia e paesini che ancora oggi conservano una certa tradizione.L'Italia, meta scelta dai turisti di tutto il mondo per le sue bellezze artistiche, ogni...
Italia

Come visitare la città di Lodi

Lodi è una città con 50 mila abitanti, capoluogo dell'omonima provincia della Lombardia. Situata nella zona centro meridionale della Lombardia, presso il fiume Adda, venne fondata ufficialmente dall'Imperatore Federico Barbarossa, anche se già esisteva...
Italia

Guida alle città più belle di Italia

L'Italia è nota all'estero come "il Bel Paese". La denominazione viene attribuita alla nazione in quanto rinomata per la sua storia, per la cultura artistica e letteraria. Nonostante ciò, non sempre gli italiani sanno apprezzare la grande ricchezza...
Italia

Le 10 città d'Italia dove si vive meglio

Quali sono le 10 città d'Italia dove si vive meglio? Nell'anno appena trascorso diverse classifiche sono state stilate in merito ed i risultati sono stati a volte anche discostanti tra di loro. Questo perché la risposta a tale domanda dipende dai parametri...
Italia

Le dieci città più belle d'Italia

Già negli anni antichi l'Italia ha conquistato senza dubbio un posto d'onore tra i Paesi più belli al mondo. Chiamata "giardino d'Europa" ed osannata per le sue bellezze paesaggistiche, artistico-culturali e gastronomiche, l'Italia è senza dubbio una...
Italia

Roma: La città eterna

Roma è una tra le città più belle al mondo e non la si può non visitare! Tutti dovrebbero vederla almeno una volta nella vita. La capitale d'Italia, famosa per i suoi monumenti, è anche conosciuta come la città eterna a causa della sua storia da...
Italia

Le più belle città venete

Siete amanti dei viaggi e volete visitare città ricche d'arte? Amate andare al mare o in montagna ma non volte andare lontano? Preferite restare in Italia perché non conoscete l'inglese o perché non volete perdere tempo con un viaggio troppo lungo?...
Italia

Come trascorrere la Pasquetta in città

Molte persone trascorrono Pasquetta al mare o in montagna, in compagnia di amici e parenti. Non manca, però, chi preferisce restare in città. Questo non vuol dire rinunciare ad organizzare una bella giornata e divertirsi. A Pasquetta, infatti, numerose...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.