Patrimoni dell'Unesco: 10 Luoghi da non perdere in Sicilia

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

L'arte, la storia e la cultura hanno reso la Sicilia celebre e ricercata, mete di pellegrinaggi e soggiorni salubri, fin dall'antichità; terra ricca di tesori e meraviglie che non passano inosservate, sia dal punto di vista paesaggistico che storico artistico.
Attualmente l'Unesco ha riconosciuto 7 come patrimoni dell'unesco, il 13% dei siti riconosciuti tali in Italia: la Villa del Casale a Piazza Armerina, le Isole Eolie, le città barocche della Val di Noto, Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica, il monte Etna, il Percorso arabo-normanno di Palermo, Monreale e Cefalù e l'area archeologica di Agrigento.
A queste aggiungeremo alla lista altri 3 luoghi raggiungendo così il numero di 10 di siti da non perdere con l'aggiunta di Lampedusa, Pantelleria e Favignana.

211

La Villa del Casale a Piazza Armerina

Siamo in provincia di Enna, a Piazza Armerina, a soli 3km dal centro abitato si trova il complesso della Villa de Casale. La villa di epoca tardo-antica è nota soprattutto per i notevoli mosaici decorativi, eccezionali per le varietà policrome e per la loro estensione. I mosaici sono consideratigli unici nel loro genere di decorazione pavimentale e si estendono per circa 3500 metri quadrati: essi rappresentano lo stile di vita del proprietario della villa, che alcuni identificano come Massimiano anche se non vi sono prove certe, senz'altro di altro lignaggio. La tematica del mosaico è varia, vi sono i riferimenti ai poemi omerici e scene di vita quotidiana: il corridoio della Grande Caccia è senz'altro l'ambiente più impressionante con 66 metri di lunghezza e 5 di larghezza ove vengono rappresentate scene di venatio (caccia): ogni scena spiega come catturare ogni singola belva, belva che, proviene dai luoghi più disparati dell'ecumene del tempo, Asia Minore, Egitto, Numidia.
I mosaici dell'ambiente termale descrivono i giochi che si proponevano nel Circo Massimo a Roma, la vestizione dell'auriga, la folla in delirio, il raggiungimento del traguardo.
Gli appartamenti offrono invece altri cicli pavimentali di mosaici ove predominano le scene mitologiche con Eracle, Amore e Psiche e le famosissime fanciulle in bikini, in realtà donne impegnate in un concorso ginnico.

311

Le Isole Eolie

Nel 2000 le 7 isole dell'arcipelago siciliano sono state inserite nella lista dei patrimoni dell'Unesco.
Lipari, Salina, Panarea, Stromboli, Alicudi, Filicudi e Vulcano sono le 7 isole che costituiscono l'arcipelago il quale, oltre ai fenomeni vulcanici in corso, unisce bellezze marine dei fondali incontaminati all'unicità della flora e della fauna locale.
La vegetazione delle Isole Eolie è caratterizzata da specie tipiche dell'area mediterranea: circa 900 piante, tra cui 4 specie endemiche.
La fauna locale è costituita da 40 specie di uccelli di cui 10 sono stati inseriti nella lista delle specie a rischio di estinzione così come alcune varietà di mammiferi tra cui anche dei pipistrelli. Vi sono presenti nell'arcipelago 7 specie di rettili e 4 sottospecie di essi.
Oltre alle particolarità della flora e della fauna sono rilevanti nelle isole la presenza di insediamenti umani risalenti ad epoche antiche, compresa quella preistorica. Le isole Eolie uniscono al visitatore il piacere della vacanza rilassante a quello per la vacanza più esplorativa.

.

Continua la lettura
411

Le città barocche della Val di Noto

Le città barocche della Val di Noto sono state inserite nella lista dei patrimoni dell'Unesco nel 2002 e contano 8 cittadine: Caltagirone, Militello in Val Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo Acreide, Ragusa e Scicli. Queste città vennero danneggiate gravemente nel 1693 da un terremoto e quindi ricostruite in splendido stile tardo-barocco. Tra gli innumerevoli monumenti barocchi sparsi nelle varie città possiamo annoverare la Chiesa della Badia di Sant'Agata a Catania, la Chiesa delle Santissime Anime del Purgatorio a Ragusa, il Duomo di San Pietro di Modica, il Teatrino di Caltagirone e molti altri.
L'architettura, la pianificazione urbana e le decorazioni dei palazzi costituiscono uno degli ultimi esempi dell'arte barocca presente sul territorio italiano.

511

Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica

Nel 2005 l'area di Siracusa e delle necropoli rupestri di Pantalica venne inserita nella lista dei patrimoni dell'Unesco in quanto raggruppa il più grande esempio di di creazioni architettoniche di importanza universale.
La leggenda vuole che la Ninfa Ortigia, corteggiata dal dio fluviale Peneo, si gettò nel mar Ionio per sfuggire alle sue profferte e scavò un canale lungo fino ai margini orientali della Trinacria (nome antico della Sicilia) ove sboccò con una fontana di acqua dolce nell'attuale isolotto di Ortigia che da lei prese il nome.
Siracusa ben nota nelle vicende della guerra del Peloponneso nonché nelle lotte di espansione territoriale della Magna Grecia, patria di Santa Lucia, il suo centro storico ospitava i templi di Apollo, Zeus ed Atena (in seguito convertito a cattedrale).
Le necropoli rupestri di Pantalica si tratta di un sito dell'età del Bronzo con tombe scavate nelle pareti rocciose: le tombe preistoriche sono scavate su tutti i lati dell'altipiano. Alcune in posizione a strapiombo, dando quasi l'impressione di un alveare. In seguito la zona di Pantalica venne utilizzata dalle popolazioni locali per sfuggire alle invasioni straniere e alle incursioni barbaresche.

611

Il monte Etna

L'Etna è il vulcano più alto attivo in Europa con i suoi 3350 metri di altitudine ed è stato inserito all'interno della lista dei siti del patrimonio dell'Unesco nel 2013.
Il vulcano con la sua flora e il suo essere in attività rappresenta un laboratorio naturale scientifico per i fenomeni sismologici e vulcanologi. Secoli e millenni di attività hanno modificato radicalmente il paesaggio circostante rendendo tipiche e uniche le varietà di terreno, di piante e di fauna che si possono ravvisare alle pendici del vulcano, tale che nel 1987 venne istituito il parco naturale dell'Etna, per proteggere e salvaguardare il territorio.
Da non perdere la Valle del Bove, la Grotta del Cielo e la Valle di Alcantara.

711

Il Percorso arabo-normanno di Palermo, Monreale e Cefalù

L'itinerario arabo-normanno di Palermo, Monreale e Cefalù testimonia la dominazione araba dal IX al XII secolo che interessò a quel tempo l'isola siciliana.
Il sincretismo di questi stili sfocia in un matrimonio architettonico artistico che vede l'espressione di piante basilicali di chiara derivazione romana con cupole e mosaici arabi, le espressioni dei cicli musici della Cappella Palatina con iconografia bizantina trova la sua incoronazione nello stile tondeggiante delle cupole arabe e dei cortili interni.
Il percorso comprende a Palermo: Il palazzo dei Normanni, la Cappella Palatina, la Cattedrale, la Chiesa di San Giovanni degli Eremiti, la Chiesa di Santa Maria della Martorana, la Chiesa di San Cataldo, il Castello della Zisa e il Ponte dell'Ammiraglio.
A Monreale il Duomo e il Chiostro.
A Cefalù la Cattedrale e il Chiostro.

811

L'area archeologica di Agrigento

Il sito in questione venne dichiarato patrimonio dell'Unesco nel 1997 e si riferisce all'antica colonia greca di Akragas, una città fondata dai greci di Creta e Rodi nel VI sec. A. C. I resti della città, con i suoi templi dorici, la fitta rete di acquedotti e la straordinaria conservazione degli edifici fino ad oggi, hanno reso l'area archeologica patrimonio dell'umanità, insieme al parco circostante.
La Valle dei Templi è costituita dal Tempio di Zeus, il Tempio di Eracle e da quello, meglio conservato, della Concordia in quanto volto a basilica cristiana che ne ha consentito il riutilizzo e la conservazione fino ad oggi.
Da visitare anche il tempio di Iside, il tempio delle divinità ctonie (Demetra e Persefone) e quello di Iside. Il sito offre anche i resti dell'agorà greca con le vestigia del Bouleuterion e il Gymnasium.

911

Lampedusa

Lampedusa è stata inserita in questa lista come luogo da non perdere assolutamente nell'area siciliana qualora si ipotizzasse un'escursione nella zona, ed appartiene all'arcipelago delle isole Pelagie, localizzata a sud della Sicilia a circa 205 km dalla terraferma.
L'isola è considerata un vero paradiso terrestre, con spiagge cristalline e un tratto incontaminato lungo la costa meridionale: l'isola è raggiungibile con in aereo in quanto presente un aeroporto,
nonchè via mare da Porto Empedocle tramite la linea Siremar.

1011

Pantelleria

L'isola è un'altro gioiello del mediterraneo, appartenente giuridicamente alla provincia di Trapani, essa dista 110km dalla costa siciliana e 70km da quella tunisina. Dal colore del suolo arriva il nome "Perla Nera del Mediterraneo", una terra scura, assolata, ridondante nei suoi tipici giardini terrazzati detti panteschi, i quali offrono varietà di vigneti e il celebre Passito di Pantelleria. L'isola è anche conosciuta come l'isola del vento poiché i venti soffiano tutto l'anno e garantiscono una certa brezza al calore del luogo: da vedere il Lago di Venere, la piana di Ghirlanda, l'Arco dell'Elefante e il Faraglione di Tracino.

1111

Favignana

Favignana è senz'altro la più nota isola dell'arcipelago delle Isole Egadi, poste immediatamente ad ovest di Trapani. Il nome Favignana deriva dal latino Favonio, corrispondente al nostro Libeccio, di cui l'isola era ed è interessata.
Le coste di Favignana offrono diverse spiagge con sabbia fine e dorata come Cala Azzurra, Lido Burrone, oppure suggestive calette di sabbia mista a ciottoli da cui si godono tramonti sconvolgenti di rara bellezza. Non mancano le zone rocciose per coloro i quali amano tuffarsi come Grotta Perciata o il Cavallo. L'isola è senz'altro nota per essere meta prediletta di turismo subacqueo grazie ai fondali limpidi e ricchi di esemplari: Marettimo, Levanzo nonché le immersioni alla secca del Toro, sia per un pubblico di sub principianti che per uno di più esperti. Ognuna di queste cale rappresenta la porta per un orizzonte sommerso al largo delle Egadi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

5 luoghi da visitare in Sicilia

La Sicilia è una terra ricchissima di storia, arte, siti archeologici unici al mondo che uniti ad una natura forte e meravigliosa, in alcuni luoghi ancora incontaminata, rendono questa terra la meta ideale per ogni tipo di viaggiatore. Il clima mite...
Italia

Sicilia orientale: luoghi da visitare

La Sicilia è un'isola veramente ricca di attrattive turistiche differenti, come lo splendido mare, le caratteristiche città e paesini, ma anche l'ottimo cibo e il calore dei suoi abitanti. Le varie dominazioni che si sono susseguite hanno caratterizzato...
Italia

10 luoghi dove fare snorkeling in Sicilia

A tutti piace andare al mare a prendere il sole, ma molte persone adorano anche praticare snorkeling. Lo snorkeling, è una semplice disciplina che consiste nella possibilità di vedere i fondali marini, utilizzando semplicemente una maschera, delle pinne...
Italia

10 dolci da non perdere in Sicilia

La Sicilia è una terra di grande bellezza naturalistica, artistica ed architettonica ma è anche madre di una gastronomia eccellente. I mari che la lambiscono sono sempre stati generosi di pesci e crostacei prelibati e i suoi terreni vulcanici insieme...
Italia

Luoghi misteriosi da visitare in Sicilia

La Sicilia è un'isola meravigliosa ricca di luoghi stupendi, sono veramente in pochi a non conoscerne le qualità:  la valle dei templi, Taormina, l'Etna, Cefalù, la scala dei turchi, e molto altro, sono solo alcune delle mete più gettonate.Ma in...
Italia

Viterbo: 5 luoghi da non perdere

Viterbo è uno storico comune della regione Lazio ed uno dei centri più suggestivi dell'intero centro Italia. Ha un magnifico centro storico di architettura medievale tra i più belli ed importanti del nostro paese e la sua celebre Macchina di Santa...
Italia

Etna: 5 luoghi da non perdere

L’Etna è il vulcano attivo più alto d’Europa, nonché una delle mete turistiche più gettonate della Sicilia. La maggior parte dei turisti, preferisce visitare il vulcano in giornata, affidandosi magari ad escursioni organizzate. Tuttavia, le innumerevoli...
Italia

10 luoghi da non perdere sulle Alpi

Le Alpi sono la più importante catena montuosa europea. Site al confine tra Italia, Francia, Svizzera, Liechtenstein, Germania, Austria, Slovenia e Ungheria, si estendono per 1200 Km. La loro forma è denominata ad "arco" e si dividono in Occidentali,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.