Somalia: usi e costumi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La Somalia è uno degli Stati africani ubicati nella zona orientale, detta "Corno d'Africa" ed è una Repubblica Federale.
Il nome attuale di Somalia le fu dato dall'esploratore italiano Luigi Robecchi Bricchetti, che fu il primo europeo a visitare i vasti territori della regione.
In antichità, fu un importante centro di scambi commerciali.
Nel XIX secolo è stata colonizzata dagli inglesi e dagli italiani, per poi essere proclamata Repubblica nel 1960.
La Somalia è una nazione caratterizzata da una forte emigrazione, causata dalla grande povertà.
La lingua parlata ufficialmente è il somalo, affiancato dall'arabo.
Ecco quali sono gli usi e i costumi della Somalia.

26

Occorrente

  • Adeguato abbigliamento.
36

Introduzione

Gli usi e costumi della popolazione, che ha una densità di circa 16 abitanti per chilometro quadrato, sono legati al fatto che essa sia suddivisa in tribù, per lo più di tipo nomade, che non sono in conflitto le une con le altre, ma sono legate tra di loro da un profondo senso di patriottismo nazionale.
Per quel che attiene le etnie che popolano la Somalia, essa è costituita per oltre il 90 % da somali.
La minoranza è rappresentata da etnie quali: bantu, arabi, pakistani, indiani e qualche europeo.
La religione più diffusa, per oltre il 99%, è quella musulmana, mentre vi è una piccolissima percentuale di cristiani.

46

Usi

Se ci si trova a viaggiare in Somalia, si devono tenere presenti alcuni degli usi tipici di questo Paese.
Soprattutto, bisogna osservare tutte le norme imposte dalla religione islamica.
Inoltre, non si dovrebbe mai fotografare una donna, perché questo viene considerata una mancanza di rispetto, nonostante che le donne somale non siano considerate rilevanti all'interno della società.
Sovente, sono oggetto di usanze piuttosto primitive come l'infibulazione.
Infatti, secondo un rapporto UNICEF questa regione ha il più alto numero di incidenza di mutilazioni genitali femminili nel mondo. Viene stimato il 98% di tutte le donne del paese .
Lo stile di vita è nomade e il principale mezzo di trasporto è il dromedario.
Molto caratteristici sono i balli e i canti delle tribù.

Continua la lettura
56

Costumi

Per quel che attiene l'alimentazione, ci sono alcuni piatti tipici che costituiscono la base del nutrimento delle tribù nomadi.
La base della cucina è araba.
Tra le ricette tradizionali ci sono: le bagie, delle frittelle dal sapore speziato e piccante; l'ari, ovvero la carne di agnello; il kalluun, che è a base di tonno e patate.
Molto diffusa è la pasta, a seguito della colonizzazione italiana.
Il frutto che è più facile da reperire è la banana.
Il costume locale prevede, per gli ospiti, che non si debba mai finire completamente ciò che si ha nel piatto.
Se il cibo avanza, vuol dire infatti che il commensale ne ha avuto più che a sufficienza.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenersi agli usi e costumi della popolazione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Africa

Etiopia: usi e costumi

L'Etiopia è il più antico Paese indipendente dell'Africa. E’ situtato nel corno d’Africa, non ha sbocco sul mare, e confina con Eritrea, Gibuti, Somalia, Kenya, Sudan e Sudan del Sud. La capitale, Addis Abeba, ospita un terzo dell’intera poplazione...
Africa

Tunisia: usi e costumi

La Tunisia è una delle mete turistiche più gettonate. Il suo grande successo è sicuramente dettato dalle numerose bellezze naturali ed culturali che questa terra riesce ad offrire sia ai suoi abitanti che ai turisti. Risulta essere lo stato più piccolo...
Africa

Madagascar: usi e costumi

Il Madagascar è la più grande isola del mondo. Se provate a controllare su una carta geografica, potrete notare quante volte riuscirebbe ad entrarci l'Italia! Ci abitano 16 milioni di persone, divise in circa 18 etnie. Il Madagascar fa parte dell'Africa...
Africa

Uganda: usi e costumi

L’Uganda è uno splendido Stato nel cuore dell’Africa Orientale, il cui nome deriva dall'antico regno di "Buganda". La popolazione è formata da molteplici gruppi etnici, i più rilevanti sono i Baganda, i Basoga e i Pigmei. Ciascun ceppo dell'Uganda...
Africa

Mauritania: usi e costumi

La Mauritania o, ufficialmente, la Repubblica islamica di Mauritania è un Paese islamico situato in Africa Occidentale e confinante con l'Oceano Atlantico (ad Ovest), il Sahara (a Nord), l'Algeria (a Nord-Est), il Mali (a Sud-Est) ed il Senegal (a Sud-Ovest):...
Africa

Egitto: usi e costumi

L'Egitto è sicuramente una delle terre più antiche del mondo, ed anche la prima che ha conosciuto la civiltà; infatti, ancora oggi vanta innumerevoli tradizioni che la rendono unica nel suo genere. Usi e costumi dell'Egitto sono infatti molto apprezzati...
Africa

Guinea Bissau: usi e costumi

Una delle più piccole nazioni dell' Africa occidentale è la Guinea Bissau, la cui capitale è Bissau. In origine il nome era "Guinea", successivamente però fu aggiunto il nome della capitale per non confondere lo stato con quello della Guinea confinante....
Africa

Swaziland: usi e costumi

Lo Swaziland è situato geograficamente nell'Africa del sud, ed è distante dall'Oceano indiano per 80 km ma non ha sbocco su quest'ultimo. Questa nazione è caratterizzata dal fascino dei tramonti africani, dai costumi e dagli usi delle popolazioni locali....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.