Tanzania: usi e costumi

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

La Tanzania, ottenne l'indipendenza dall'Inghilterra esattamente 100 anni dopo che si formò lo Stato Italiano. Più precisamente nell'anno 1961. Conosciuta per il suo passato di sfruttamento e di colonizzazione. Oggi è una nazione che sta crescendo molto rapidamente, e la testimonianza la si ha dal turismo che aumenta a dismisura. Tutto questo nel rispetto completo che sono gli usi e costumi che caratterizzano la nazione. Dove in questa guida ve ne parleremo.

28

Occorrente

  • libri
  • internet
38

Religioni

Elenchiamo ora le religioni più diffuse in base all'importanza e con relative percentuali della popolazione che ne fanno parte:
- il Cristianesimo è la religione più diffusa col 62% circa;
- secondo posto religione islamica con il 35% circa;
- terzo posto per religioni in minoranza quali di culto e credo indigeni;
- buddismo. Le persone che abitano in Tanzania si vantano della loro capacità di tolleranza e convivenza verso tutte le religioni esistenti. Oggi i figli, difatto, vengono educati e cresciuti principalmente coi principi dell'Islamismo e Cristianesimo.

48

Lingua

Sono parlate maggiormente la lingua inglese e swahili. Ovviamente l'inglese è la lingua maggiormente parlata e ritenuta quella ufficiale. Il motivo di questo è per avere una comunicazione omogenea per tutti tra le diverse etnie e a maggior ragione la volontà del paese di inserirsi nel globale mercato. In Tanzania la lingua più diffusa è l'inglese. Usata soprattutto per gli scambi culturali. Mentre lo swahili resta la lingua insegnata ai bambini, perché legata alle tradizioni del paese.

Continua la lettura
58

Popolo e tradizioni

La Tanzania ha un popolo straordinario. Culture e tradizioni miste che, anche se plasmate ed influenzate per anni ed anni da colonizzazioni, non hanno perso quella che era la forma loro primordiale. Esiste appunto un senso di appartenenza ad una stirpe unica unita, originariamente dall'esperienza in passato dalle colonizzazioni, che hanno donato loro una tolleranza così notevole verso le altre varie etnie e religioni che ci sono su tutto il territorio.

68

Intrattenimento

In questa nazione sono presenti anche elementi di folclore: le arti figurative e la musica sono caratteristiche. Il suo ricordo è sempre vivo nelle piccole comunità. Ma oggi molti artisti moderni ne stanno ritrovando il valore. Esistendo varie tradizioni africane, che influenzano varie etnie: oltre alla classica rumba africana, si può anche assistere a testimonianze di composizioni ingluenzate da ritmi arabi e otientaleggianti. Le arti figurative sono molto simili alla musica. In Tanzania ci sono due correnti principali. Una legata alla cultura buntu mentre l'altra legata alla cultura swahili. Molto interessante è una forma d'arte naif chiamata "Tinga-tinga". Sviluppata come un'arte semplice. Mentre oggi è diventata un'arte molto raffinata e preziosa.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se volete approfondire sugli usi e costumi della Tanzania, aiutatevi con libri e documentari

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Africa

Somalia: usi e costumi

La Somalia è uno degli Stati africani ubicati nella zona orientale, detta "Corno d'Africa" ed è una Repubblica Federale.Il nome attuale di Somalia le fu dato dall'esploratore italiano Luigi Robecchi Bricchetti, che fu il primo europeo a visitare i vasti...
Africa

Tunisia: usi e costumi

La Tunisia è una delle mete turistiche più gettonate. Il suo grande successo è sicuramente dettato dalle numerose bellezze naturali ed culturali che questa terra riesce ad offrire sia ai suoi abitanti che ai turisti. Risulta essere lo stato più piccolo...
Africa

Etiopia: usi e costumi

L'Etiopia è il più antico Paese indipendente dell'Africa. E’ situtato nel corno d’Africa, non ha sbocco sul mare, e confina con Eritrea, Gibuti, Somalia, Kenya, Sudan e Sudan del Sud. La capitale, Addis Abeba, ospita un terzo dell’intera poplazione...
Africa

Madagascar: usi e costumi

Il Madagascar è la più grande isola del mondo. Se provate a controllare su una carta geografica, potrete notare quante volte riuscirebbe ad entrarci l'Italia! Ci abitano 16 milioni di persone, divise in circa 18 etnie. Il Madagascar fa parte dell'Africa...
Africa

Uganda: usi e costumi

L’Uganda è uno splendido Stato nel cuore dell’Africa Orientale, il cui nome deriva dall'antico regno di "Buganda". La popolazione è formata da molteplici gruppi etnici, i più rilevanti sono i Baganda, i Basoga e i Pigmei. Ciascun ceppo dell'Uganda...
Africa

Mauritania: usi e costumi

La Mauritania o, ufficialmente, la Repubblica islamica di Mauritania è un Paese islamico situato in Africa Occidentale e confinante con l'Oceano Atlantico (ad Ovest), il Sahara (a Nord), l'Algeria (a Nord-Est), il Mali (a Sud-Est) ed il Senegal (a Sud-Ovest):...
Africa

Egitto: usi e costumi

L'Egitto è sicuramente una delle terre più antiche del mondo, ed anche la prima che ha conosciuto la civiltà; infatti, ancora oggi vanta innumerevoli tradizioni che la rendono unica nel suo genere. Usi e costumi dell'Egitto sono infatti molto apprezzati...
Africa

Guinea Bissau: usi e costumi

Una delle più piccole nazioni dell' Africa occidentale è la Guinea Bissau, la cui capitale è Bissau. In origine il nome era "Guinea", successivamente però fu aggiunto il nome della capitale per non confondere lo stato con quello della Guinea confinante....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.