Tutto sulla Sacra Sindone di Torino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se volete documentarvi, nel modo più dettagliato possibile, sulla sacra sindone di Torino per sapere tutto su di essa, vi trovate nel posto giusto. Magari qualche giorno vi troverete a visitarla e, seguendo questa guida dettagliata, saprete cosa starete vedendo senza problemi. Qui vi parlerò della sacra sindone in generale, della sua storia, della sindone evangelica e sulle caratteristiche generali di essa.

24

La sacra sindone si trova nel Duomo di Torino

Innanzitutto, la sacra sindone di Torino è un lenzuolo funerario che attualmente è conservato nel Duomo di Torino. Esso è fatto di lino, e si dice che con questo lenzuolo venne avvolto il corpo di Gesù nel Santo Sepolcro, prima della resurrezione. Infatti, nel Duomo di Torino si può vedere l'immagine di Gesù che porta i segni delle atroci torture che ha subito prima di morire. Il termine sindone significa, in greco, grande tessuto e quindi un lenzuolo. Originariamente la sindone non veniva affatto usata per avvolgere i morti, ma, dopo la morte di Gesù, esso rappresenta il lenzuolo funebre usato da Gesù.

34

Il corpo di gesù fu sepolto dopo la sua morte in croce

Secondo la testimonianza che troviamo nei Vangeli, il corpo di Gesù fu sepolto dopo la sua morte in croce, fu avvolto in un lenzuolo e venne deposto nel Santo Sepolcro. Nel vangelo c'è scritto che quando venne sepolto, Gesù era stato avvolto in un lenzuolo e aveva un fazzoletto che gli copriva il volto. Quindi le ipotesi che questo lenzuolo poteva essere il Mandylion vengono sciolte da questa testimonianza. Inoltre, nei vangeli di Giovanni si può notare come la forma descritta da esso corrisponde a quella della Sindone di Torino. Quindi, di nuovo, la Sacra Sindone viene riconosciuta in quella deposta nel Duomo di Torino.

Continua la lettura
44

La sacra sindone è un vero pezzo autentico

Gli studiosi dicono che la sacra sindone è un vero pezzo autentico, perché essa è stata analizzata nei laboratori di Oxford nel 1988, affinché gli scienziati scoprissero a quale hanno risaliva, scoprendo così che la stoffa del lenzuolo era datata all'intervallo di tempo compreso tra il 1260 e il 1390 e cioè al periodo corrispondente all'inizio dell storia della Sindone. Anche gli storici ritengono che la storia sulla sindone sia vera, ma negano tutto ciò che è avvenuto prima di questo evento. Quindi ritengono che questo sia l'autentico lenzuolo funebre di Gesù e sostengono che appartiene alla terra di Israele del I secolo. Inoltre, alcuni studiosi sostengono che questo lenzuolo possa essere il Mandylion, l'Immagine di Edessa, che era il fazzoletto che raffigurava il volto di Gesù, che era scomparso nel 1204.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come visitare Torino in un week end

Torino è il capoluogo del Piemonte e rappresenta una delle città del Nord Italia più importanti per storia, cultura e tradizioni. Si tratta quindi di una meta importante per le nostre vacanza: spesso però capita di non avere molti giorni di ferie...
Consigli di Viaggio

Come visitare Torino In Un Weekend

Torino è la città "magica" per eccellenza. Con i suoi luoghi segreti da scoprire e il ricco simbolismo esoterico da sempre alimenta leggende e misteri. Questa metropoli inoltre ha molto da offrire in termini di bellezze storico-artistiche e divertimento....
Consigli di Viaggio

Guida al Museo Civico di arte antica di Torino

La guida di oggi ci accompagnerà alla scoperta del Museo Civico di arte antica di Torino. Questa incantevole città è ricca di bellezze architettoniche. Ed offre anche dei siti atti all'accoglienza di mostre e rappresentazioni culturali. Il Museo Civico...
Consigli di Viaggio

Guida all'Osservatorio Astronomico di Torino

La guida che state per leggere si occuperà dell'osservatorio astronomico di Torino, conosciuto anche come Pino Torinese. Quest'osservatorio esiste già dal 1759, ed è uno dei più antichi a livello mondiale. Per tutti gli appassionati di fisica e di...
Consigli di Viaggio

10 luoghi da visitare in Italia

L'Italia è un paese meraviglioso e, partire alla scoperta delle sue bellezze, è quasi un dovere morale. Ci sono tantissimi posti che non dovete perdervi: alcuni più conosciuti, altri meno. Potete scegliere tra le testimonianze storiche, le meraviglie...
Consigli di Viaggio

Come raggiungere l'aereoporto di Orio al Serio

L'aeroporto di Orio al Serio, chiamato anche il Caravaggio, si trova in Lombardia più precisamente in provincia di Bergamo: è una piattaforma internazionale che conta moltissimi voli non soltanto diretti in Italia ma anche in tutta Europa. Negli ultimi...
Consigli di Viaggio

5 mete per le vacanze di Natale

Il Natale è simbolo di pace, di una parentesi dalle fatiche quotidiane, e come è giusto che sia va vissuto con le persone che più si amano. Un elemento molto importante delle vacanze natalizie riguarda la località che intendiamo scoprire. In funzione...
Consigli di Viaggio

Come raggiungere Ginevra

Vediamo insieme come raggiungere Ginevra, per chi ama viaggiare e visitare nuovi posti, è la seconda città più grande della Svizzera nell'immediato confine Francese. Raggiungerla è semplice decidiamo come andarci, può essere: l'aereo, il treno o...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.